Gabriele Casagrande

Gabriele Casagrande

Scegli, o me o i dischi...ed eccomi qua.

stampa articolo Scarica pdf

Mi chiamo Gabriele, alcuni mi conoscono come lelebros (si è per la nostalgia di supermario)..e nella vita faccio finta di fare il dj.

Allora Gabriele da "Frascati" con furore ?

E con la mia fiesta modello post-flinstons!

Che rapporta hai con la musica ?

Una volta mi è stato chiesto; scegli, o me o i dischi...ed eccomi qua.

Che generi proponi e quanto lavoro ti porta durante la settimana?

Ogni genere ha il suo "mondo", anche inteso come valori...il mio preferito si ascoltava circa dieci anni fa...! Riguardo il tempo è relativo..faccio parte di quelle persone che non sono in grado di fare molto senza cuffie alle orecchie...in senso pratico di mettere i dischi e produrre, non mi do un tempo preciso, la mia è una passione, se mi impongo dei limiti diventa un impegno!! Comunque a grandi linee parliamo di circa due, tre orette a settimana, a volte più, a volte meno.

Il tuo esordio è stato un.....?

La mia prima volta che ho messo i dischi in un locale è stato circa sei anni fa, in un piccolo locale pomeridiano ma molto frequentato da ragazzi...ricordo ancora che mi tremavano le mani e avevo paura di sbagliare tasti (ride).

La strada per fare questo mestiere è stata in salita?

La strada per questo mestiere non nego che è ripida, un eterna gavetta in un ambiente che non accetta compromessi...ma se si rimane con la concezione di crescere con una passione dentro, oltrepassi numerosi ostacoli senza molta fatica.

Cosa oppure chi è il nemico del Dj quando si trova sulla consolle?

Sono schierato contro i vocalist ,pochi ne ho conosciuti di veramente bravi.Alcuni invece hanno una voce che non solo fa incazxxx me ed anche la pista...non siamo in fascia protetta no?

Hai partecipato a Fiere del settore per implementare la tua professionalità?

Una volta che decidi di entrare in un mondo, più tempo passa più ti ritrovi amicizie che condividono i tuoi stessi interessi, secondo me la "fiera" più costruttiva è questa...crearsi un circolo di persone per confrontarsi..ovviamente sempre con umiltà e mai per prevalere.

Sogni di gestire un locale tutto tuo,condividi il genere di musica che si produce qui a Roma?

Per molto tempo l'ho sognato, col passare del tempo mi sono reso conto che le condizioni qui in italia non sono tra le più promettenti, poi nelle mie priorità, la seconda è il djing; Riguardo il genere preferirei che ci fossero più locali a tema...avere 200 locali che offrono tutti lo stesso prodotto serve a poco! Quindi se un indomani avessi la possibilità, aprirei un locale diverso...(poi mi sveglio).

Quale è il posto migliore per fare musica in Europa?

Qualsiasi posto dove l'interesse della gente è quello di divertirsi...c'è chi dice Londra, chi Germania...Io dico; non l'Italia.

Il rapporto del DJ con il silenzio,avvolte può produrre della musica fantastica?

E’ raro che intorno a me ci sia il silenzio...ma bisogna imparare ad ascoltarlo e viverlo per crescere...specialmente dopo una serata nel ritorno a casa.

© Riproduzione riservata