Aldo Minghelli E Angelica Addessi

Aldo Minghelli E Angelica Addessi

Presentano la kermesse canora "Sant'Ivo, il Sanremo degli avvocati"

stampa articolo Scarica pdf

Il 6 dicembre al Teatro Brancaccio, alle ore 21, si svolgerà la seconda edizione dello spettacolo “Sant’Ivo il Sanremo degli avvocati”. Kermesse canora durante la quale si affronteranno 12 avvocati pronti a cimentarsi con le proprie capacità sul palco. I 12 finalisti, scelti per le loro doti musicali, vocali e per la presenza scenica, in questi due mesi si sono esercitati con la supervisione di Stefano della Rovere, musicista legato all'arte, e di Alberto Aschelter, avvocato ed esperto musicologo. In palio per il vincitore della gara c'è una toga speciale: bianca, come quella che veniva indossata dai poeti. Il ricavato dello spettacolo della finale sarà devoluto in beneficenza a una famiglia in difficoltà legata al mondo della professione forense. Il festival, dedicato al santo protettore della professione forense, è scritto da Vincenzo Marano, dal consigliere dell'ordine Aldo Minghelli e da Fabio Salvati per la regia di Biagio Maiolino. A presentare questo spettacolo, aperto a tutti, saranno Angelica Addessi e lo stesso Minghelli. E proprio questi ultimi hanno parlato della kermesse nel corso di un’intervista.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Parliamo intanto dell'evento "Sant'Ivo, il Sanremo degli avvocati"  e di come funzionerà la serata.
Aldo Minghelli: sarà uno spettacolo contenitore fra musica, teatro e intrattenimento. Si esibiranno 12 concorrenti, scelti lo scorso ottobre tra 70 candidati. Si tratta di cover di grandi autori italiani. I primi tre classificati riceveranno una targa mentre al vincitore verrà consegnata anche la toga bianca, come quella che veniva data ai poeti, realizzata dalla stessa sartoria che realizza quelle dei consiglieri dell'ordine.
Angelica Addessi: i cantanti saranno soltanto avvocati mentre tra gli attori vi saranno due sole eccezioni: Elena Salvati e Annarita Mannozzi, l'una figlia di Avvocati, l'altra ufficiale giudiziario
Com'è nata l'idea di creare "Sant'Ivo"?
Angelica: spingevamo un po' tutti per cantare durante gli spettacoli, proponevamo addirittura un musical... 
Aldo: poi, avendo tra le mani un grande esperto di musica - l'Avv. Alberto Aschelter - e una grande band ci siamo detti... perché no?! Comunque si tratta di una mia idea: volevo realizzare una rassegna musicale che mostrasse il grande talento degli avvocati, non sono come attori ma anche come cantanti.
I 12 candidati sono stati scelti tra 70 partecipanti. Il gruppo com'è? Che generi musicali porteranno sul palco?
Aldo: il gruppo ha al suo interno persone che vanno dai  23 anni ai 50, da praticanti ad avvocati già affermati. Per quanto riguarda i generi musicali, la prima e seconda edizione di Sant'Ivo sono state dedicate alla musica italiana... 
Angelica: in futuro vedremo, visto che il gruppo spalla, gli Enjoying 70 - ministeriali, liberi professionisti che hanno formato un gruppo musicale molto bravo e suonano insieme da 30 anni - e i cantanti sanno veramente fare di tutto...
Essendo una gara canora, ci saranno dei giudici... mi può dire chi sono e per quale ragione sono stati scelti?
Angelica: sono la consigliera del CNF Donatella Ceré, la criminologa Roberta Bruzzone, il giudice di pace di Roma dottoressa Antonietta Trovato, l'Avv. Daniele Bocciolini, e Lucia Morante, sorella di Laura, che lavora nel nostro mondo come direttrice amministrativa di un'associazione forense. 

Aldo: li abbiamo scelti per la loro simpatia e in rappresentanza di tutte le categorie della Giustizia...

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  


Gara a parte, ho letto che sarà comunque un evento di beneficenza. Parliamo di questa iniziativa.
Aldo: è un'iniziativa della ONLUS del consiglio dell'ordine gli avvocati di Roma che si occupa di aiutare avvocati e famiglie di avvocati in difficoltà. Lo scorso anno abbiamo aiutato una famiglia che aveva perso il padre con tre figli a carico. Quest'anno abbiamo una situazione analoga ed anche una collega che, per via di una brutta malattia, non riesce da tempo a lavorare.
Angelica: è un momento in cui fra malattie ed altre problematiche molti avvocati sono in difficoltà.
Siete arrivati già alla seconda edizione, come avete lavorato per questa esperienza e come immagina la serata del 6 dicembre?
Aldo: come di consueto, affittando sale dove prima abbiamo scelto canzoni adattandole a singoli concorrenti. Poi nell'ultima fase c'è stato l'incontro con il gruppo al Moma e al Trafalgar, due sale prove molto note.
Angelica: un successo. 
Aldo: un successo, come sempre...
Mettendo da parte l'evento, lei (Aldo Minghelli, ndr) ha nel sangue l'arte e l'amore per lo spettacolo?
Aldo: è il primo amore e non si scorda mai... per assurdo, prima di diventare avvocato non ero mai riuscito a realizzare così tante cose...
Ho letto che avete creato e fate parte di diverse associazioni culturali, tra musica e teatro. Da dove proviene questa passione e come riesce a metterla in pratica insieme alla sua professione di avvocato?
Angelica: sono 14 anni che facciamo teatro in ambito forense, passando per le esperienze di diverse compagnie e con diversi registi...
Aldo: è qualcosa di più di un hobby. Il nostro modo per sentirci liberi.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Cosa pensate della musica in questo momento e dei numerosi talent show che spopolano in tv?


Aldo: vedo quello che accade da noi. Tanta gente desidera vivere di arte e ce la mette tutta quando può dimostrare quello che vale. 
Angelica: vengono messi in mostra dei talenti... La gente li apprezza e li segue per quello...
Vi faccio una domanda anche su un tema strettamente legato all'attualità e che non riguarda Sant'Ivo, ma la vostra professione. Qual è il vostro parere in merito al referendum?
Angelica: no comment! 
Aldo: credo che la realtà sui quesiti referendari la possano capire solo gli addetti ai lavori... Diciamo che a me il quesito appare insufficiente a spiegare la vera portata della riforma...
Angelica: ma andate a votare!
Che genere di musica ascoltate?
Aldo: meglio dire cosa non ascolto... non amo la musica melodica napoletana, la salsa e il rap metropolitano: mi danno sui nervi. Per il resto... I grandissimi musicisti sono quasi tutti stranieri ma apprezzo molto Dalla.
Angelica: io ascolto di tutto, anche la classica... ho suonato per anni il pianoforte...
Per chiudere vi chiedo che tipo di risposte avete avuto dai vostri colleghi dalla prima alla seconda edizione di Sant'Ivo?
Aldo: la prima edizione è andata quasi esaurita e, sembra, sia piaciuta molto… 

Angelica: aspettiamo la risposta del pubblico che, speriamo, sia ancora più convinta dello scorso anno.

Grazie per la disponibilità ad Angelica Addessi e Aldo Minghelli

Sabrina Redi 

© Riproduzione riservata