Il Gufo E La Gattina In Scena Al Teatro Manzoni

La recensione dello spettacolo di UnfoldingRoma

852
stampa articolo Scarica pdf

Il gufo e la gattina è in scena al teatro Manzoni dal 29 dicembre al 22 gennaio. A rappresentare la famosa commedia di Bill Manhoff, tradotta da Lorenzo Gioielli e diretta da Silvio Giordani, sono Rita Forte e Pietro Longhi. Le scene sono della LolloZolloArt e i costumi di Alessandra La Mantia. La commedia è ironica e i due attori, una battuta dopo l’altra,  strappano più di una risata agli spettatori. La storia divisa in due atti, è arricchita dalla bravura di Rita Forte, che durante lo spettacolo interpreta alcuni brani della musica italiana, come “Parole, Parole” di Mina.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Lo spettacolo parla di Felix e Doris, due persone completamente diverse, vicini di casa, che finiscono per incontrarsi-scontrarsi. Felix è uno scrittore, ma per sopravvivere lavora come commesso in un negozio di libri. Doris, invece, fa la cantante nei locali notturni e “l’attricetta squillo” ma senza troppe speranze. Quest’ultima viene cacciata dal suo appartamento alla due di notte dal proprietario per via di una denuncia fatta dallo stesso Felix, che aveva notato uno “strano movimento” nella casa della donna. Doris, una volta buttata fuori e senza un posto dove dormire, bussa alla porta dello scrittore e gli piomba nell'appartamento con la valigia.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

La pièce dalle tinte comiche e irriverenti, affronta temi come il sesso e la solitudine con un tono neutro. Durante le due ore di spettacolo si ride, ma oltre a divertirsi, il pubblico può riflettere sull’esistenza dell’uomo, avendo due esempi; da un lato uno come Felix, chiuso in se stesso ed estraneo ad un mondo ormai alla deriva. Che aspetta di pubblicare una sua storia e nel frattempo conduce la sua vita accontentandosi di lavorare in una libreria e di spiare dalla finestra le altre persone. E dall’altro lato c’è Doris, convinta di valere poco e di essere ignorante, ma con un cuore d’oro e tanta voglia di mettersi alle spalle la vita che conduce.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Due persone insomma così diverse, che però alla fine si compenseranno e daranno una sferzata importante alle proprie esistenze.

Sabrina Redi

© Riproduzione riservata