Giorgia Nicoli

Giorgia Nicoli

Prendevo la musica come un gioco però mi aiutava a far uscire quel lato di me che ho sempre tenuto nascosto

1125
stampa articolo Scarica pdf

Giorgia Nicoli è una giovane artista bolognese che sintetizza il suo essere con una sola parola “semplice”. L’abbiamo ospitata per conoscerla un po’ meglio e farci raccontare qualcosa in più del suo ep Il meglio delle mie parole.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Hai iniziato il tuo percorso artistico a soli dodici anni. Come hai capito che la musica era il percorso che dovevi intraprendere?

Ho iniziato il mio percorso come un gioco, mi chiudevo in camera e cantavo sopra ai miei cantanti preferiti,non mi sentiva nessuno dicevo tra me e me….e invece i miei genitori videro qualcosa e con mio grande piacere mi proposero di andare a fare qualche lezione e mi buttai in questa avventura. Prendevo la musica come un gioco però mi aiutava a far uscire quel lato di me che ho sempre tenuto nascosto, e così sentendomi bene con me stessa mentre cantavo, capivo sempre di più che quella era la mia strada.

Parlaci un po’ di te, chi è Giorgia Nicoli?

Sono una ragazza semplice, ho frequentato il Liceo Artistico di Bologna nell’indirizzo di Ceramica, sinceramente non mi sono mai considerata una “popolare” preferivo fare le mie cose con impegno e tranquillità. Ho passato periodi fantastici ma anche brutti nella mia adolescenza che mi hanno fatta crescere,ma ho sempre continuato ad andare avanti con determinazione e amore. Potrei parlare per ore di tutte le cose che ci sono state nella mia vita, la sintesi di “me” è semplice, mi appassiono a tutto quello che faccio perché sono molto curiosa, cerco sempre di mettere il buon umore perché un sorriso vale molto, sono testarda perché penso che c’è un rimedio per tutto solo per la morte non ci può essere e quindi seguo sempre il mio istinto,ma soprattutto voglio dare e ricevere amore perché è la cosa più grande che un essere umano può avere.

Hai partecipato a numerosi concorsi. Credi anche nei talent? E’ una strada che percorreresti?

Sulla questione dei talent non mi dilungo molto, per me è solo business, sì danno la possibilità di uscire e di metterti in mostra ma a modo loro e non mi convincono.

Come abbiamo detto prima, hai iniziato il tuo percorso molto presto. Che idea ti sei fatta della discografia italiana?

La discografia italiana mi ha sempre appassionata, i suoni, i testi, in molte canzoni mi sono sempre rivista da Mango, Renato Zero, Lucio Dalla ecc.. adesso però quando ascolto certi artisti appena usciti, penso “come è possibile?” “con che coraggio vogliono distruggere il passato della tradizionale musica italiana?” Business, semplice. Comunque io andrò avanti a fare la mia musica, sperando che sia utile nei momenti belli o brutti di qualcuno.

“Primo amore” è il brano che uscirà il 31 gennaio, un brano in cui c’è tanto di te...

Sì in “Primo Amore” c’è davvero tanto, come ho detto prima le persone devono avere amore nel cuore, e in questo brano vi parlo del mio. Il mio primo amore l’ho conosciuto quando avevo 18 anni, non credevo al colpo di fulmine, anche perché quando lo incontrai mi stava abbastanza sulle scatole; poi non lo so che cavolo è successo una sera mentre facevo serata di musica, l’ho salutato dandogli la mano, e mentre ancora ci stringevamo quella benedetta mano tutto intorno a me si fermò, davvero! Però ho fatto finta di nulla e ho detto nella mia testa “mi sono fatta il viaggio ok” e invece? La stessa sensazione la provò anche lui…l’amore non si può comandare e tutte le emozioni che passate ve le ricorderete per sempre e così è nato “Primo Amore” il mio con cui sto ancora insieme e forse anche il vostro.

Cosa vuoi anticiparci de Il meglio delle mie parole, il tuo album?

“Il meglio delle mie parole” racchiude 5 brani in cui c’è tutto quello che non sono mai riuscita a dire e anche dei consigli,”Primo amore” di cui ho già parlato”, “Apro le mie ali” è un discorso tra me e me, sono stata il nemico di me stessa tante volte pensando di non superare certi periodi e a volte bisogna amarsi un po’ di più per farcela, “We’re our Saviour” ovvero noi siamo i salvatori di noi stessi, se vedi che tutto va a rotoli trova sempre una soluzione solo tu puoi farlo, “Immensamente te” se sei stanca di uomini che non sanno approcciare online mettili in ridicolo con questa canzone e fatti due risate, e per finire “Loro” dedicata alle mie nonne e a tutte le persone a voi care che non ci sono più.

Musica italiana o straniera cosa preferisci ascoltare e quali artisti segui?

A me piace tutta la musica in generale sia straniera che italiana, ascolto molto Mango, Whitney Houston, Celine Dion, Zucchero, Andrea Bocelli. Per entrambe le tipologie di musica, straniera o italiana, ascolto molto spesso le opere o i cantanti usciti negli anni d’oro, faccio più fatica ad ascoltare Rihanna anche se è eccellente o Rovazzi…lui lasciamo stare; il mio modo di ricercare musica si basa sulla musica in sé, deve avere qualcosa che mi faccia subito dire “voglio ascoltare questa”.

Accantonando la musica come preferisci trascorrere il tuo tempo?

Il mio tempo lo passo come forse tutte le ragazze della mia età,vado a lavoro all’Hosteria Duse a San Donato a Bologna che è della mia famiglia, faccio shopping..tanto shopping, esco con il mio fidanzato, vado a lezione di canto, mi documento molto spesso sulle nuove cure e prodotti bio naturali, vado in palestra. Diciamo che faccio una vita abbastanza tranquilla devo dire!

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Vuoi lasciare ai nostri lettori i contatti dove poterti seguire?

Potete trovarmi su Facebook Giorgia Nicoli c’è sia la Pagina ufficiale che il mio profilo personale, su Youtube ci sono i video delle mie 3 vecchie canzoni e di alcuni concorsi che ho fatto, su tutti i Digital store ci sono sempre le prime 3 canzoni e da poco anche “Primo Amore”. Grazie di cuore!

 Sara Grillo

© Riproduzione riservata