Lazio-Roma 2-0

Lazio-Roma 2-0

Alla Lazio il primo atto: Milinkovic e Immobile schiantano la Roma

stampa articolo Scarica pdf

Una Lazio perfetta, che con tutto il cuore e forse qualcosa in più è riuscita ad aggiudicarsi la prima delle due partite che porteranno alla finale. Ci si aspettava una Lazio completamente diversa rispetto a quella vista con l'Udinese e così è stato. Contro la Roma va in scena la miglior partita della stagione: una squadra piena di orgoglio doma i giallorossi strafavoriti alla vigilia, facendo un importante passo in avanti verso la finale.

Ha funzionato tutto: dal muro alzato in difesa, pressoché invalicabile soprattutto nella ripresa, un centrocampo d'acciaio con un Milinkovic a dir poco superbo re assoluto di tutto il campo. Il sergente è il collante di tutta la squadra, raddoppia, regala numeri di classe e ha il merito di insaccare dentro l'assist al bacio di Anderson. Già Anderson, finalmente si rivisto quello dei tempi d'oro, un incubo per i giallorossi le sue sgroppate. Lukaku sulla sinistra è la sorpresa della serata: dà profondita, ha accelerazione che fa invidia ad un centometrista mandando nel pallone più totale l'asse sinistro romanista.

Di pericoli la Lazio ne ha corsi, soprattutto in avvio di match, ma la poca lucidità di Dzeko e compagni, disorientati da una difesa laziale da applausi, permette ai biancocelesti di lasciare vuota la casella dei gol subìti. Il raddoppio di Immobile fa esplodere l'Olimpico: questa volta è Keita a bersi Manolas e servire il numero 17 che deve solo appoggiare in rete. Nel finale c'è tanta sofferenza e i 6 minuti di recupero non aiutano.

L'appuntamento è fissato per il 5 aprile, la Lazio ha un grande vantaggio ma dovrà stare attenta a non dare per scontato nulla. I derby hanno storia a sè, e servirà la massima concentrazione. Ma questa notte è della Lazio, e per ora, va bene così.


Le parole di Simone Inzaghi in conferenza stampa: "Una notte bellisima. Fa piacere ricevere i complimenti. E’ stata una partita perfetta. Abbiamo concesso quasi nulla, solo qualche cross alla Roma, a parte una parata di Strakosha. L’avevamo preparata bene. I ragazzi sono stati straordinari, hanno messo in campo tutto quello che avevano. Ora ce lo godiamo, poi penseremo al derby di ritorno. Tra un mese sarà dura. Sono stati decisivi tutti, chi ha giocato, chi è subentrato, anche chi non ha giocato. Ho vinto con ragazzi come Strakosha, Crecco e Murgia, che ho visto crescere. Alleno 23 leoni". Festa vera, Inzaghi e la Lazio in estasi, perché è stato rotto l’incantesimo. La vittoria nel derby mancava dal 26 maggio 2013. EEra tanto tempo che i tifosi aspettavano di festeggiare, vedere una Curva così piena mi ha emozionato prima della partita e alla fine. Sappiamo di essere alla metà dell’opera, vogliamo la finale. Bu razzisti? Non li ho sentiti, se ci sono stati ululati sono sbagliati, non sono da giustificare anche se c’è stato qualcosa nell’ultimo derby. Ringrazio i ragazzi della Curva, sono stati straordinari. Ho rivisto la Nord dei miei tempi, non si vedeva un seggiolino libero, mi sono emozionato, di solito non vedo il riscaldamento. I ragazzi li hanno sentiti, il loro appoggio è stato fondamentale".

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Il tabellino

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, de Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinkovic (46' dt Murgia), Lukaku (35' st Crecco); Felipe Anderson (22' st Keita); Immobile. A disp. Vargic, Adamonis, Spizzichino, Hoedt, Mohamed,Luis Alberto, Lombardi, Djordjevic. All. Inzaghi.

ROMA (3-4-2-1): Alisson; Rudiger, Fazio, Manolas; Peres (41' st Totti), Paredes (8' st Perotti), Strootman, Emerson; Salah (24' st 24' El Shaarawy), Nainggolan; Dzeko. A disp. Szczesny, Lobont, Juan Jesus, Vermaelen, Mario Rui, De Rossi, Grenier, Gerson. All. Spalletti.

Arbitro: Irrati (sez. Pistoia) Assistenti: Di Fiore e Manganelli. IV Uomo: Massa.

Note: ammoniti Parolo, Rudiger, Strakosha, Biglia.

Reti: 30' Milinkovic, 78' Immobile.

Fabio Pochesci 

© Riproduzione riservata