NAPOLI - REAL MADRID 1 -3

CHAMPIONS, ARRIVEDERCI.

901
stampa articolo Scarica pdf


MERTENS ILLUDE I PARTENOPEI, POI IL SOLITO RAMOS RIPORTA GLI AZZURRI ALLA REALTA’, LA CHIUDE MORATA

Un San Paolo cosi pieno non lo si vedeva da tempo. È la notte delle notti, quella che non succede ma se succede … c’è da ribaltare un 3 a 1 subito a Madrid. Sarri conferma la formazione di sempre con un solo piccolo ritocco a centrocampo, Allan al posto di Rog, con Hamsik e Diawara a completare il reparto, in difesa confermato Reina in porta con Hysaj Albiol Koulibaly e Ghoulam e in attacco il solito trio Callejon Insigne Mertens con Milik ancora in panchina. Pavoletti in tribuna.

Il Real Madrid di Zidane con il ritorno in campo di Gareth Bale insieme a Cristiano Ronaldo e Benzema in attacco, Casemiro in cabina di regia e Pepe e Ramos in difesa. In gioco ci sono i quarti di finale ma il Napoli deve fare un miracolo, e i tifosi ci credono ma anche Sarri non è affatto dimesso come dimostrano la conferenza stampa pre-partita.

Fischio di inizio ed è subito Napoli che spinto dai cinquantamila del San Paolo parte forte e va al tiro con Mertens e la difesa del Madrid si rifugia in angolo. Al 4° cross di Ghoulam e il capitano Hamsik non ci arriva per pochi centimetri. Solo Napoli in campo, al 7° Allan che lancia Mertens ma Pepe salva tutto. La squadra napoletana ci crede e Sarri dimostra di non avere nessuna sudditanza con la finalista scorsa della Champions League. Al 10° ancora Insegne che lancia Callejon e Ramos chiude ma non senza timori. Al 19° si vede per la prima volta Bale nella zona di Reina ma il portiere non ha nessun problema a bloccare il debole tiro del Gallese. 24° minuto esplode il San Paolo, Insigne per Hamsik che lancia nello spazio Mertens, tiro a incrociare da destra verso sinistra e Napoli in vantaggio! Mertens protagonista di una splendida giocata personale ma frutto di una azione fatta di scambi triangolazioni e lancio in verticale. C’è tutto Sarri in questo goal. Risponde subito il Real, nemmeno dopo 5 minuti la squadra di Zidane esegue un’azione tutta in verticale con Cristiano Ronaldo che supera tutta la difesa compreso Reina ma la palla si stampa sul palo su tiro rasoterra del portoghese. Il Napoli non subisce il contraccolpo psicologico e torna in attacco. Su corner di Callejon al 35° Koulibaly la manda di poco a lato. Al 37° è il palo a dire di no al Napoli, Mertens si impossessa di una errata uscita dei giocatori del Real e tira senza pensarci su due volte, palo pieno con Navas battuto. Al 41° tiro di Hamsik parato in qualche maniera dal portiere madrileno. Primo tempo con soltanto Napoli in campo anche se al Real è bastato una fiammata per sfiorare la rete. Da segnalare il 17esimo goal di Mertens nelle ultime 16 partite giocate dal belga. Secondo tempo con formazioni invariate sia del Napoli che del Real Madrid. Real subito pericolo al 47°, Marcelo per Benzema che stoppa al limite dell’area e calcia verso Reina, esterno della rete che gela i tifosi napoletani dando l’illusione del goal. 50° distrazione della difesa del Napoli che regala un corner al Real e dal calcio d’angolo nasce il pareggio del Real Madrid con Sergio Ramos su colpo di testa. Ancora una volta Ramos toglie le castagne dal fuoco a Zidane con un suo colpo di testa. 1 a 1 che spezza le gambe ai giocatori del Napoli. 55° minuto ammonito Allan per gioco falloso su Casemiro. Al 56 sostituzione del Napoli con Rog che prende il posto di Allan. Al 57° la fine del sogno napoletano. Ancora Sergio Ramos in goal , ancora su colpo di testa con una deviazione di Mertens. Un difensore, Ramos, che si dimostra goleador quando arrivano le partite importanti. Una delusione per il Napoli dopo un primo tempo di alto valore tattico tecnico e fisico superiore al Real in tutto e per tutto. Al 65° ci prova Rog con tiro da fuori ma la palla va oltre la traversa. 69° sostituzione Napoli, lascia il campo Insigne per il polacco Milik per tentare l’impossibile. Sostituzione anche per Zinedine Zidane, entra Vazquez esce Bale. 72° lancio di Vazquez per Ronaldo ma Reina esce e spazza in fallo laterale. Per il Napoli esce il capitano Hamsik ed entra Zielinski. Ancora girandola di cambi, entrano Morata e Isco e escono Modric e Benzema per il Real. Possesso palla del Real Madrid a volte anche lezioso ma il Napoli oramai non è più in campo. 83° ancora occasione Real, tiro sopra la traversa di Carvajal a tu per tu con Reina. 89° ammonito Diawara per fallo su Kroos. Due minuti di recupero. Al 92° timbra il cartellino anche Alvaro Morata che spinge in rete un tiro di Cristiano Ronaldo parato da Reina. Finisce 3 a 1 come nella gara di andata. Resta un gran primo tempo della squadra di Sarri, 45 minuti giocati alla pari dei campioni e senza sudditanza anzi, il Napoli meritava anche un altro goal. Passaggi in verticale, sovrapposizioni e triangoli in velocità. Tattica e tecnica la prova del Napoli. Ma per battere loro non basta un primo tempo giocato a livelli fantastici, non basta la dedizione al sacrificio. Di la ci sono i campioni, campioni come Ramos che quando serve tirano fuori il coniglio dal cilindro. Due colpi di testa, il secondo con deviazione, che fanno scomparire i sogni di gloria del Napoli. Esce fra gli applausi la squadra napoletana, i 50 mila di stasera al San Paolo si sono divertiti, hanno visto per almeno un tempo la loro squadra tenere testa alla furie blancos, tenere acceso un sogno. Non importa, non si poteva fare di più, stasera niente critiche. È un processo di crescita, non solo della squadra ma anche del tecnico. Tutto dipenderà dalle ambizioni della presidenza, manca ancora parecchio per stare ai livelli delle big europee e la società se vorrà tenere testa a squadre come il Real serviranno investimenti sul presente e non solo su giocatori futuribili. Nota a margine per chi scrive, ancora una volta sostituito il capitano Hamsik intorno al 70 minuto.

NAPOLI-REA MADRID 1-3

MARCATORI: Mertens (N) al 24' p.t.; Ramos (R) al 6' e al 12', Morata (R) al 46' s.t.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (dall'11' s.t. Rog), Diawara, Hamsik (dal 30' s.t. Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne (dal 25' s.t. Milik).

REAL MADRID (4-3-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Modric (dal 35' s.t. Isco), Casemiro, Kroos; Bale (dal 22' s.t. Vazquez), Benzema (32' s.t. Morata), Ronaldo.

GIUSEPPE CALVANO

© Riproduzione riservata