Inter-Milan

Inter-Milan

Suicidio Inter e adesso per l'Europa si fa dura

stampa articolo Scarica pdf

Primo derby del "Dragone" per Inter e Milan, in campo per la prima volta alle 12.30.  L’Inter in vantaggio per 2-0 butta due punti fondamentali per la rincorsa alla prossima Europa League. Nel secondo tempo i nerazzurri vanificano il doppio vantaggio, facendo una prestazione rinunciataria e che ha mostrato una deficitaria condizione fisica.

La sfida comincia con un buon ritmo, su errore di Gagliardini è il Milan ha creare subito la prima palla gol. Deuloufeu con un tiro impegna Handanovic. La squadra nerazzurra non sembra aver approcciato bene la gara e al 15’ minuto il Milan crea due palle gol. Suso ci prova da fuori aria costringendo Handanovic con una parata in deviazione angolo. Un minuto dopo Deulofeu si libera di Gagliardini e da posizione defilata colpisce il palo.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

La squadra di Pioli, passata la paura, comincia a prendere in mano il possesso del gioco senza però, riuscire mai ad impensierire Donnarumma. L’Inter lascia campo e soffre la velocità di Deulofeu che dopo aver superato Medel costringe Handanovic all’uscita. Nel calcio gli errori si pagano. Dopo le tre palle rossonere, l’Inter trova il vantaggio. Gagliardini lancia in profondità Candreva che in velocità supera De Sciglio e con un pallonetto supera Donnarumma. La rete galvanizza gli undici di Pioli che trovano il raddoppio. Scambio aereo tra Icardi e Perisic, il croato si invola sulla sinistra e mette in mezzo per l’argentino che a pochi passi dalla porta mette in rete. La ripresa comincia con gli stessi undici del primo tempo. E’ subito l’Inter a rendersi pericolosa, Candreva con un tiro di potenza trova l’esterno della rete. E’ sempre l’Inter a rendersi pericolosa, su contropiede Icardi serve Perisic, il croato tira di prima intenzione senza impegnare Donnarumma. Gli undici nerazzurri abbassano il baricentro per colpire il contropiede, ma è sempre Deulofeo a creare pericoli alla porta interista. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo la palla arriva allo spagnolo che con un destro a giro costringe lo sloveno alla deviazione in angolo.

La squadra si abbassa troppo e lascia campo agli uomini di Montella. Al 83’ minuto su un calcio d’angolo Romagnoli, in spaccata, dimezza lo svantaggio e riapre la partita. Il match improvvisamente diventa incandescente, il Milan prova a pareggiare mentre l’Inter soffre e difende il risultato. Ma la beffa arriva al 97’ minuto, su calcio d’angolo la palla giunge sul secondo palo, Zapata tutto solo batte Handanovic con l’aiuto della traversa. 

Nelle ultime 4 partite la squadra di Pioli ha totalizzato 2 punti, segnando 6 reti e subendone 8. Un rendimento troppo basso per raggiungere l’obbiettivo minimo della stagione. 

  (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Inter – Milan 2-2

MARCATORI: 35' Candreva (I), 43' Icardi (I); 83' Romagnoli (M), 96' Zapata (M).

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Medel, Miranda, Nagatomo; Gagliardini, Kondogbia; Candreva (90' Biabiany), Joao Mario (80' Murillo), Perisic (67' Eder); Icardi. A disp. Carrizo, Andreolli, Palacio, Ansaldi, Banega, Sainsbury, Santon, Brozovic, Gabriel Barbosa. All. Pioli.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria (80' Ocampos), Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Sosa (74' Lapadula), Mati Fernandez, Kucka (57' Locatelli); Suso, Bacca, Deulofeu. A disp. Storari, Plizzari, Honda, Gomez, Poli, Vangioni, Paletta, Antonelli. All. Montella.

ARBITRO: Orsato.


NOTE: ammoniti Kucka (M), Candreva (I), Handanovic (I), Kondogbia (I), Locatelli (M).

Dario Trione 

© Riproduzione riservata