SAMPDORIA - NAPOLI

GRANDE NAPOLI MA IN CHAMPIONS LEAGUE VA LA ROMA

582
stampa articolo Scarica pdf

Va in scena l'ultima di campionato, a Genova sponda Sampdoria, con la mente e le radioline accese per sapere cosa succede a Roma per Roma Genoa, nel giorno dell'addio al calcio di Totti.

Quel punto di distacco pesa, e farà la differenza in estate, sia nel bene che nel male, anche perché noi in Italia con i preliminari di Champions non siamo proprio in sintonia.

Anche nell'ultima di campionato Sarri sceglie l'undici titolare, i titolarissimi. Callejon, Mertens, Insigne in attacco, Hamsik Jorginho e Zielinski a centrocampo, Chiriches Koulibaly Ghoulam e Hysay in difesa davanti al portiere Reina. 

Il Napoli prova a fare la partita, ma non sembra molto lucida nei primi minuti della partita. Ci prova Insigne a farsi vedere con un tiro da lontanissimo ma la palla finisce alta. Ci prova Zielinski dalla distanza al 12° ma la palla finisce fuori. Il Napoli cerca di trovare il varco giusto ma per adesso la squadra di Giampaolo argina bene le geometrie della squadra di Sarri.

18° tiro di Callejon dal limite, para Puggioni. Si vede al 22° la Sampdoria con Bruno Ferdandes che grazie a una ripartenza veloce può calciare verso la porta di Reina ma la spara alta.

36° Napoli in vantaggio con il solito Mertens, che sfrutta una indecisione fra Regini e Puggioni e realizza l'uno a zero per il Napoli. Napoli non si accontenta e continua a spingere. Al 42° entra in scena Insigne che con un destro sotto l'incrocio porta il Napoli in vantaggio di due reti mettendo pressione all'olimpico dove la Roma sta pareggiando con il Genoa.

Secondo Tempo e il Napoli continua a spingere. Hamsik si fa trovare pronto su sponda di Callejon e a botta sicura porta a tre le reti di vantaggio. Ma non c'è tempo per esultare che subito Quagliarella fa tre a uno e non esulta per rispetto dei suoi vecchi tifosi. La Samp ci crede e prova a farsi vedere dalle parti di Reina ma è il Napoli ha fare il quarto gol. Solito schema, Insigne per Callejon e lo spagnolo non sbaglia. Entra Palombo per Torreira e Rog per Zielinski. Entra anche Diawara per Jorginho, anche nelle sostituzioni mister Sarri non cambia mai. Al novantesimo Alvarez fa quattro a due con un sinistro sul primo palo che sorprende Reina. Si aspettano notizie da Roma. Notizie che arrivano e che non sono buone per niente per la squadra di Sarri. Al novantesimo Perotti realizza il tre a due contro il Genoa portando la Roma in Champions direttamente e il Napoli spedito ai preliminari.

Non sarà un problema passare i preliminari di Champions, il Napoli è forte e lo ha dimostrato per tutto il campionato anche e sopratutto in Champions League. Un campionato straordinario quello di mister Sarri. Come ha detto il mister soltanto un calo nel mese di ottobre, per il resto davvero un'ottima stagione. Il presidente sa cosa bisogna fare per puntellare questa orchestra che suona una melodia davvero quasi perfetta. I rinnovi di Mertens e di Insigne devono essere soltanto l'inizio. Non perdere Koulibaly sarebbe un altro segnale importante. E poi bisogna recuperare Milik e Pavoletti. 

Aspettiamo l'estate ma nel frattempo il calcio migliore giocato quest'anno in serie A è tutto del Napoli e del suo burrascoso, irascibile, sanguigno e pignolo allenatore.

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni ; Bereszynski Silvestre , Skriniar, Regini ; Barreto (32’st Alvarez, Torreira (21’st Palombo ), Linetty; Bruno Fernandes (9’st Praet ); Schick Quagliarella.

All: Marco Giampaolo

Napoli (4-3-3): Reina ; Hysaj , Chiriches Koulibaly, Ghoulam ; Zielinski (dal 21′ s.t. Rog ), Jorginho (dal 25′ s.t. Diawara ), Hamsik (dal 38′ s.t. Giaccherini.); Callejon , Mertens Insigne.
All: Maurizio Sarri

Arbitro: Banti di Livorno

Giuseppe Calvano

© Riproduzione riservata