RomaPlanetario Apre All’EX DOGANA San Lorenzo

RomaPlanetario Apre All’EX DOGANA San Lorenzo

Un viaggio suggestivo tra sogno e scienza

stampa articolo Scarica pdf

Da oggi la scienza torna a Roma con un nuovo Planetario digitale che raccoglierà, momentaneamente, fino al dicembre 2018, il testimone della divulgazione astronomica negli spazi dell’Ex Dogana di San Lorenzo. Un trasferimento dal Planetario gonfiabile di Technotown a Villa Torlonia caldeggiato al fine di offrire una più completa offerta culturale astronomica grazie all’utilizzo di una struttura più capiente. Un progetto che nasce da un partenariato tra pubblico e privato; un momento importante per i quattro astronomi che da anni raccontano il Planetario con una nuova location per una nuova struttura all’avanguardia così da garantire un impatto tridimensionale che permetterà di navigare nello spazio immergendosi nelle galassie. Una nuova collocazione in un contenitore culturale diversificato che permetterà di avvicinare ancor di più i giovani al mondo della scienza. Uno strumento per raccontare la bellezza dell’arte e della natura attraverso spettacoli dal sapore unico per un’esperienza a tutto campo che metterà insieme numerosi eventi con la cultura.

Come sottolineato dal Vicesindaco di Roma Luca Bergamo, “Un giorno molto bello in cui si restituisce alla città e in un modo molto bello, la possibilità di vedere il cielo stellato anche di giorno. Cultura è arte e scienza. Penso che la città oggi debba essere fiera di avere un planetario di questo genere”.

E continua il Sindaco di Roma Virginia Raggi: “Lo spettacolo che abbiamo visto è qualcosa di estremamente emozionante. L’emozione per qualcosa che non si conosce, di esplorare qualcosa di ignoto da un altro punto di vista”.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Conferenze e osservazioni del cielo guidate dagli astronomi di Zètema completeranno l’affascinate offerta ; gli spettatori saranno condotti dagli stessi scienziati in un viaggio coinvolgente tra i pianeti e la loro storia partendo dalla formazione dell’universo sino spingersi fino ai satelliti che costellano l’universo.

Un teatro astronomico che con l’ausilio di 5 proiettori 4K Barco e un sistema surround proietterà sulla cupola di circa 12 metri di diametro l’ancora inesplorato infinito spaziale per un viaggio suggestivo in un cielo non più minacciato dalle luci cittadine.

Un balzo verso lo spazio abbandonando la familiare Terra verso le stelle da cui scorgere il profilo luminoso delle nostre case che si profilano prepotentemente nella notte; lentamente e magicamente ci si allontana dal conosciuto tuffandosi in un vuoto che sembra quasi accoglierci in un amichevole abbraccio.

Cime pungenti, deserti terrestri sabbiosi per poi con un salto balzare sulla Luna esplorandone il lato nascosto o fluttuare tra gli aridi canali del pianeta Marte.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Parole che si mescolano alle immagini in un viaggio tra nebulose fluttuanti, piogge di stelle, costellazioni scintillanti, galassie che sembrano quasi scrutarci, alla scoperta della Via Lattea, spingendosi verso le colonne d’Ercole del cosmo.

RomaPlanetario, un nome che rievoca quello dell’asteroide scoperto da uno degli astronomi e dedicato dall’Unione Astronomica Internazionale proprio alla nuova cupola astronomica; una scelta che vuole creare un filo di connessione tra passato, presente e futuro preservando la storia e l’identità del Planetario della Capitale.

Ilenia Maria Melis

RomaPlanetario

EX Dogana

Via dello Scalo San Lorenzo, 10 – Roma

www.planetarioroma.it

© Riproduzione riservata