BOLOGNA - NAPOLI 0 - 3

TRIS DEL NAPOLI. TRE PUNTI D'ORO SOFFRENDO CONTRO UN OTTIMO BOLOGNA

stampa articolo Scarica pdf

Trasferta insidiosa quella di Bologna per il Napoli. Sarri, arrivato in treno per paura dell’aereo, affronta Donadoni facendo qualche piccolo turnover, fuori Albiol dentro Chiriches, con il solito tridente offensivo Callejon Mertens Insigne, centrocampo con Allan Hamsik e Jorginho e Ghoulam Hysay e Koulibaly davanti a Reina, tornato sereno dopo le turbolenze di mercato.

Donadoni con Destro e Palacio e un Bologna per niente rinunciatario.

Parte bene il Bologna che prima con Verdi poi con Destro cerca il vantaggio. Il Napoli cerca di far girare la palla come il suo solito ma manca velocità e dinamismo nel creare l’ultimo passaggio per Mertens. Al 9° Bologna vicinissimo al gol, punizione da posizione centrale di Verdi che Reina devia sulla traversa. Bologna aggressivo tanto che rimedia due cartellini gialli nei primi 10 minuti, Helander e Pulgar finiscono sul taccuino dell’arbitro. Ammoniti anche Destro e Chiriches. Il Napoli non trova varchi, ci prova Hamsik da fuori ma Mirante blocca.

Cartellino giallo anche per Palacio, partita non nervosa ma con molte trattenute.

Al 40° brutto infortunio per Chiriches, spalla fuori uso e cambio immediato per Sarri, che butta nella mischia Albiol. Primo tempo con un Napoli con più ombre che luci mentre il Bologna ben messo in campo ha rischiato più volte di andare in gol.

Secondo tempo con il Napoli che sembra aver cambiato marcia. Punizione dal limite ma Mertens trova solo la barriera. Il Napoli non sfonda e forse Sarri dovrà tentare qualche carta dalla panchina se vorrà sbloccare la partita. 60° è ancora il Bologna a sfiorare il vantaggio. Di Francesco calcia di sinistro su assist di Verdi, Reina respinge e Koulibaly salva sulla linea.

62° fuori il capitano Hamsik, dentro Zielinski. Giro palla Napoli senza ancora però trovare varchi.

66° esce il coniglio dal cilindro. Solito taglio di Callejon dalla destra verso il centro, Insigne dalla trequarti lo vede e lo serve al bacio, errore di Masina e Napoli in vantaggio. Verdi e Palacio cercano la riscossa per pareggiare. Al 65° solo un grande salvataggio di Hysay evita il tu per tu di Palacio con Reina. Entra Diawara per Jorginho e Petkovic per Palacio, il migliore in campo per il Bologna insieme a Verdi. E mentre Pulgar litiga con Verdì per battere una punizione, nell’azione successiva Mertens ruba palla allo stesso Pulgar sulla trequarti, s’invola verso la porta del Bologna e chiude la partita. Sparisce il Bologna in mezzo al campo e per il Napoli è un gioco da ragazzi palleggiare ed arrivare in porta. Terzo gol nell’aria e terzo gol che arriva al 90°. Zielinski a porta vuota dopo un ‘azione tutta di prima di Ghoulam e Callejon. Il Bologna non meritava questo epilogo, fino all’errore di Pulgar la squadra di Donadoni era in partita e poteva pareggiare.

Sarri può esultare, altra vittoria, altra sofferenza ma i 3 punti arrivano, si torna primi in classifica con Juve e Inter.

C’è da lavorare, il mister lo sa, ma i risultati positivi portano altri risultati positivi.

Non si doveva perdere punti per strada nelle partite iniziali della stagione e non si sono persi, la Champions League toglierà forze fisiche e psichiche, era importante restare agganciati alla Juve.

C’è una corsa scudetto da raggiungere.

Una giostra stasera senza tanti luccichii ma che fa divertire sempre e quest’anno porta punti.

Pesanti, speriamo da scudetto.

Giuseppe Calvano

© Riproduzione riservata