AltaRoma 2018

MY POINT OF VIEW …FOCUS ON …ALTAROMA 2018 spr / sum Di Evette , Stylist

920
stampa articolo Scarica pdf


Si è appena conclusa un ‘altra edizione di ALTAROMA , l’incontro tra moda e design , in uno dei centri più moderni e all’avanguardia di Roma , il GUIDO RENI DISTRICT.

Nella cornice di caserme dismesse e riadattate, luci soffuse , passerelle in bianco latte e piedistalli , con disinvoltura e charme , tanti dei molti designer/stilisti Italiani hanno dato sfogo al proprio estro e bravura , fatta di pizzi color carne e neri , lurex, shantung lime , organza e molto altro ,ammaliando ed omaggiando la MODA ITALIANA e il MADE IN ITALY 100% prodotto in Italia.

In un mondo fatto di imitazioni , materiali tossici e aziende che producono all’estero per agevolazione fiscale , qui , per 5 giorni , abbiamo assistito alla più alte forme d’arte , di coraggio e di vera capacità d’impresa e di autodeterminazione nel mercato moderno .

Capi pregiatissimi dalle sapienti mani di Anton Giulio Grande , l’eleganza geometrica di Sabrina Persichino con la nota di raffinatezza sancita dagli accessori di Piera Catena (PICA) , la delicatezza retrò di Camillo Bona , il sapore etno -chic dei gioielli Marina Corazziari , hanno accompagnato i visitatori in una magia fatta di bellezza e colori magnifici , indosso a muse di altissimo livello.

ANTON GIULIO GRANDE per primo ha festeggiato quest’ anno i suoi primi 20 anni di carriera facendo sfilare 18 stupendi capi fatti di boa di piume , pizzi e cordoni che nascondono sensualissima e preziosa lingerie ispirandosi alle atmosfere lascive dei primi decenni del Novecento e alle suggestioni degli anni Venti, per una "femminilità da riscoprire" ,come l’ha definita lui nella sua ultima intervista

Testimoni delle sue pregiate creazioni, Manuela Arcuri, Demetra Hampton ,Valeria Marini ed Anna Falchi . Il suo capo di punta di questa collezione il trikini alla Josephine Baker : gonna con piume naturali di gallo cedrone sfumate in verde bosco cangiante e un abito mono spalla ispirato agli anni del Charleston , i Venti per l’ appunto…in una parola

Amo gli anni venti , anche se ogni anno si ripropongono in varie salse. Belle le corde e le nappe STUPEFACENTE VOTO 8 /10

ATELIER PERSICHINO BY Sabrina Persichino con la collezione “ELEKTRON” con un vero elettrizzante défilé , ha stupito tutti per colori ,forme e tessuti utilizzati

La parola LUCE sembra esser stata l’ispirazione dell’intera collezione , dove soprabiti taglio Chanel determinano l’intero outfit e sostituiscono addirittura il concetto di abito in quanto tale.

Scelta davvero azzeccata , l’utilizzo degli accessori della designer artigiana Piera Catena , giovane promessa dell’alta moda del futuro , che con il suo marchio dal nome deciso PICA accessories , ha lasciato un segno di raffinatezza e completezza nel défilé dell’atelier ,definendo l’utilizzo di questi pregiati capi , per le occasioni più disparate

Del resto , anche un capo raffinato e molto elegante può esser “ semplificato” o “sdrammatizzato “, in gergo comune , con un accessorio più semplice o magari di un colore diverso, per un uso meno impegnativo e quotidiano

Ho adorato i colori , soprattutto il lime e il vinaccio cangiante, da me già proposti alle mie clienti nell’autunno passato . Ottimo il modo di indossare i capospalla come fossero abiti

VERSATILE VOTO 9/10

CAMILLO BONA dopo l’Accademia Koefia, passò all’atelier FONTANA , delle celebri Sorelle e nel 1994 debuttò come stilista proprio sulle passerelle di ALTAROMA … da lì ,il suo Grande Amore e la sua enorme devozione alla professione lo accompagnano sulle stesse passerelle con collezioni sempre più originali e sofisticate

Amante del gusto e della femminilità retrò , ha presentato in questa ultima manifestazione, abiti con vistosi accessori , ispirandosi a stili di varie epoche dell’ultimo secolo, mantenendo sempre delle calzature modello Chanel a stiletto con vistosi fiocchi color carne ( la neutralità alla base di ogni abbinamento).

Pois , righe , tagli trasversali , con blu , nero e bianco molto glam, colori pastello , creano un ordine molto scomposto del défilé stesso , un po’ come a voler rappresentare la mancanza d’identificazione dell’ IO e il trasporto del flusso dai molteplici colori , con una base (la calzatura neutra) che non lascia spazio all’immaginazione ma DETERMINA

Ogni pezzo è a sé , nessuno uguale all’altro , come la moda e i trends di oggi , dove gli anni 90 sembrano prevalere sui 70 e 80 , ma non sono altro che la fusione di entrambi con qualche Timberland di troppo alla San Gallino di una volta . Con Bona non si scherza però.. i suoi capi sono davvero BELLEZZA.

Mi piace il pois , molto raffinato su certi tipi di tessuto , ma una connessione tra un capo e l’altro aiuta a comprendere la collezione e perché sia nata in un determinato periodo storico ed in una precisa stagione . Non ho amato le calzature..quei fiocchi ..proprio no…meglio una pump semplice color carne (mio modesto parere ,discutibile ovviamente)… mi ripeterò , lo so….

DISCONTINUA VOTO 7/10

Altro ma non ultimo , il Grande RENATO BALESTRA

L’Egregio Stilista , anche questa volta , ha portato gloriosamente la sua collezione fatta di un trionfo di colori omogenei ma decisi e luminosi.

Varie sfumature di verde e ottanio , bianco affiancato da motivi floreali ma sempre molto discreti ed eleganti, grandi maniche a sbuffo , linee dritte e fluide , cappe vistose monocolore abbinate a tubini in contrasto bianco

Tra le ospiti preferite dallo stilista , l’imprenditrice e showgirl Valeria Marini (dell’omonima linea di lingerie)

Per le modelle , un velo di trucco, capelli raccolti , un bellissimo sorriso e tanta , tanta eleganza

Ai piedi di ognuna ,sandali gioielli di fattura semplificata , quasi impercettibili date le linee dritte e lunghissime degli abiti

Per una delle sue bellissime modelle, di origine africana , vedendone i tratti somatici ed i colori , un grande fiocco verde smeraldo , o speranza se vogliamo … forse a simboleggiare una speranza per questo nostro strano mondo fatto di continue angherie verso i Paesi più deboli economicamente , e di atti ingiusti in genere su qualsiasi essere vivente in difficoltà.

Bella presentazione, bei volti sereni (le ragazze) , denotano una presenza di energia positiva

Banale e riduttivo dire che BALESTRA sia bravo, mi limito a dire Giusto ed Equilibrato, con eleganza .

GLOBALE VOTO 8.5 /10

Presenti alla manifestazione , oltre alle tantissime vips ed icone dello spettacolo, alcune professioniste del settore moda

la bravissima fashion manager , paladina della Positività , con la sua omonima rubrica su noto settimanale e sostenitrice del puro e solo made in Italy ,la bellezza positiva Gabriella Chiarappa, fautrice di incontri tra tanti dei designer presenti tra cui quello dell’ Atelier Persichino con la designer Piera Catena ( PICA Accessories) era tra loro

Ovviamente il mio apprezzamento per tale Atelier è stato influenzato da questa scelta molto intelligente di presentare un giovane talento affiancato e reso davvero unico

Al prossimo anno cari amici ed amiche

Have Good Fashion Dayes

© Riproduzione riservata