Come Tradire La Moglie Secondo Fabio Gravina

Come Tradire La Moglie Secondo Fabio Gravina

La brillante commedia ispirata al classico di Feydeau, rivive al Teatro Prati con Fabio Gravina e Roberta Garzia, in scena fino al 20 Maggio.

stampa articolo Scarica pdf

Il Teatro Prati è uno di quei posti in cui il tempo sembra essersi fermato. All'ingresso, protetti da una teca, ci sono oggetti di scena utilizzati dai più grandi nomi del cinema e del teatro italiano, da Luigi Comencini, ad Alberto Sordi, passando per Eduardo De Filippo e tanti altri ancora... mostri sacri dello spettacolo, riconosciuti in quei cimeli immortali che raccontano un tempo lontano, fatto di sogni e grande recitazione. E recitare è ciò che al Teatro Prati non si dimentica mai di fare. Le commedie portate in scena dal capo-comico Fabio Gravina, sono un ricordo di una Roma che non c'è più, una Roma dal sapore romantico e dalle mille storie nascoste. Quella a cui assistiamo lo scorso sabato è "Come Tradire La Moglie", una brillante commedia ispirata a "Il Sistema Ribadier" di Georges Feydeau, che Gravina interpreta insieme all'attrice Roberta Garzia, già scelta per la sua prima opera cinematografica dal titolo "Un figlio a tutti i costi", uscito nelle sale lo scorso Marzo, oltre che attorniandosi di capaci colleghi di scena come Antonio Franco, Amedeo D'Amico, Matteo Micheli e Carmen Landolfi.

Siamo in una Roma degli anni'30, la scena è fissa sul salotto della famiglia Caldarelli, composta da Orlando (Fabio Gravina) e Angela (Roberta Garzia), che ha sposato Orlando in seconde nozze dopo esser rimasta vedova del suo primo marito che la tradiva costantemente. Il tradimento ha instillato in Angela un dubbio costante che alimenta la sua gelosia fino a togliere l'aria al povero Orlando, reo di pagare le colpe del primo defunto marito, ma forse a giusta causa...

Un modo per trascorrere una serata all'insegna del teatro, di piacevoli e sane risate e di atmosfere dimenticate. Per prenotare un posto al Teatro Prati, chiamare il numero: 06 3974 0503.

 Articolo di Roberta Savona 

© Riproduzione riservata