Fermiamo Il Feroce Massacro

ROMA, GIOVEDI' 21 GIUGNO DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 12.30: PRESIDIO DAVANTI AMBASCIATA CINESE CONTRO LA STRAGE DEI CANI DI YULIN

329
stampa articolo Scarica pdf

L'Associazione Animalisti Italiani Onlus organizza per Giovedì 21 GIUGNO dalle 10.00 alle 12.30 un presidio davanti l'Ambasciata Cinese a Roma, nei pressi di Largo Ecuador, (dalla Stazione Termini si arriva con il bus 360 (Muse) fino alla fermata Liegi/Ungheria) per chiedere di fermare il Festival di Yulin che inizierà proprio in quel giorno.

Abbiamo scritto all'ambasciatore cinese in Italia, Li Ruiyu, per fissare un incontro. Quest'anno abbiamo qualche speranza in più affinché venga fermata questa immane tragedia: le parole del Presidente cinese Xi Jinping pronunciate lo scorso 14 febbraio durante lo Spring Festival: “Nella cultura cinese i cani sono partner fedeli dell’uomo: rappresentano un ideale di pace e di lealtà”

Yulin è una metropoli cinese di 5 milioni e mezzo di abitanti, dove il 21 giugno di ogni anno, per il solstizio d’estate, si celebra un Festival per il quale vengono macellati e poi mangiati circa 10mila cani. I cani, ed un numero inferiore ma non meno rilevante di gatti, saranno uccisi dopo esser stati torturati : la carne di cane sarebbe secondo un'assurda credenza fonte di salute, fortuna e vigore sessuale. Molti dei cani vengono condotti al festival dopo essere stati catturati per strada o sottratti ai loro padroni. Questi sono spesso malati, tanto che secondo il Ministero della Sanità cinese nel paese ogni anno muoiono tra le due e le tremila persone per aver contratto il virus della rabbia.

Stando alle statistiche riportate dall’ufficio di Pechino della World Animal Protection, ogni anno in Cina vengono ancora macellati 25 milioni di cani, mentre in altri paesi asiatici quali Filippine, Singapore e Hong Kong il consumo di carne di cane è stato vietato.

La mobilitazione internazionale per fermare la strage di Yulin continua attraverso gli hashtag #StopYulin2017 #BanYulin2017 #StopYulinTorture e attraverso tutte le lettere di protesta da inviare all’Ambasciata cinese in Italia.

AIUTATECI A FERMARE QUESTA STRAGE! SCRIVETE A:  AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE PRESSO LA REPUBBLICA ITALIANA Straordinario e Plenipotenziario Ambasciatore: Li Ruiyu Via Bruxelles, 56- 00198 Roma Italia Email: segreteria.china@gmail.com - chinaemb_it@mfa.gov.cn ► MAILBOMBING ◄  FAC SIMILE: All'egregio ambasciatore della Repubblica popolare cinese  Via Bruxelles 56 -00108 - Roma (Rm) Illustrissimo S. E. LI RUIYU Chiediamo gentilmente un intervento urgente presso il Governo Cinese affinché fermi la prossima strage di cani prevista per mercoledì 21 giugno, durante una festa tradizionale nella quale crudeltà e morte diventano purtroppo le principali protagoniste. Nel giorno del solstizio d'estate, nella Regione Autonoma di Guangxi vengono macellati oltre 10.000 cani, detenuti in gabbie ed in pessime condizioni igieniche e sanitarie. Secondo dati ufficiali del Vostro Ministero della Sanità, ogni anno muoiono tra le 2.000 e le 3.000 persone a causa della rabbia contratta per il consumo dei suddetti cani. Inoltre Le chiediamo gentilmente di intervenire presso il Governo Cinese per chiedere l'abolizione del consumo di carne di cane e gatto, già vietata in altri Paesi Asiatici come Filippine, Singapore e Hong Kong, come inizio di un percorso di sensibilizzazione per rispettare tutti gli animali Confidiamo nella grande sensibilità di un Paese di antica cultura e civiltà come la Cina per superare questi delicati problemi che stanno molto a cuore ai Paesi Europei.

© Riproduzione riservata