Il Volantino Della Nord

L’esposizione mediatica e l’indagine.L'analisi di Fabio Pochesci.

398
stampa articolo Scarica pdf

Niente donne in Curva Nord nelle prime 10 file. È questo il tema più discusso di questi giorni. della prima giornata di campionato, più dell’esordio di CR7, più di quanto successo sui campi.

La foto del volantino distribuito dai capi della Curva biancoceleste ha fatto il giro del web, ricevendo fiumi di commenti, divisi tra i sentimenti dell’indignazione e rabbia e chi invece si è dichiarato favorevole.

Non solo la stampa italiana, che nella maggior parte delle volte ha visto intitolare “volantino sessista” , ma anche quella estera, che già in passato apostrofó la curva laziale come razzista e pericolosa.

È la potenza del web, dei social, della condivisione in tempo reale: anni fa un volantino simile probabilmente non sarebbe uscito dalla curva, sarebbe rimasto circoscritto lì. Giusto o sbagliato che sia. E invece bastano due secondi, scattare una foto per avviare la macchina dell’esposizione mediatica.

L’INDAGINE- Nelle ultime ore la Procura federale della Figc guidata da Giuseppe Pecoraro ha aperto una indagine e ora si valuta l’esistenza o meno della violazione dell’articolo 11 del Codice di giustizia sportiva che ritiene “sanzionabile qualsiasi atto rechi offesa, denigrazione o insulto, anche per motivi di sesso”.

Insomma, una storia che invece di rimanere all’interno del settore più caldo dell’Olimpico rischia di avere ripercussioni pesanti sui responsabili. Ma ormai lo sappiamo, tutto è social e tutto potrebbe diventare virale, anche un volantino di poche righe destinato a quelle, ormai famose, prime dieci file.

Fabio Pochesci

© Riproduzione riservata