SERIE A 2018-2019 INTER-MILAN 1-0

Derby vietato ai deboli di cuore: decide Icardi al 92º

432
stampa articolo Scarica pdf

Inter e Milan si affrontano nel posticipo serale dando vita al 169º derby di Milano.

FORMAZIONI UFFICIALI:

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano, Nainggolan, Perisic; Icardi. All.: Spalletti.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Biglia, Bonaventura; Suso, Higuain, Calhanoglu. All.: Gattuso.

LA PARTITA:

La gara comincia con entrambe le squadre che cercano di imporre ritmi piuttosto alti e caratterizzano le loro azioni con una pressione a livello offensivo che fin dalle prime fasi è subito altissima, nel tentativo di recuperare palla in una zona del campo capace di creare pericoli agli avversari. Sono soprattutto i nerazzurri a mantenere il controllo del gioco anche attraverso prolungate fasi di possesso palla interrotte soltanto da alcuni cambi di ritmo imposti principalmente dai giocatori offensivi schierati da Spalletti. Il primo tentativo di tiro è però del Milan che grazie ad un’azione personale di Calabria manda a concludere Suso. Nei minuti successivi l’Inter assume con decisione l’iniziativa a livello offensivo ed all’11º sugli sviluppi di una percussione centrale di Brozovic Icardi trova la deviazione vincente sotto porta ma l’arbitro annulla la segnatura dei nerazzurri per un tocco di Vecino che sembra sfiorare il pallone anche se le immagini non chiariscono del tutto la situazione; di fatto però con il tocco del centrocampista uruguaiano inizia una nuova azione e la posizione di Icardi diventa irregolare mentre se Vecino non avesse toccato il gol sarebbe stato convalidato. La pressione offensiva dell’Inter si fa sempre più evidente e pochi istanti dopo Politano crea scompiglio nella retroguardia rossonera e soltanto un grande intervento difensivo di Romagnoli evita il vantaggio non senza il rischio di autogol da parte del difensore rossonero. Al 20º minuto duro contrasto tra Biglia e Nainggolan con entrambi i giocatori che rimediano un infortunio; il belga sarà costretto ad uscire pochi minuti più tardi sostituito da Borja Valero. Il momento della gara favorisce nettamente l’Inter che si rende nuovamente pericolosa con un’iniziativa personale di Perisic; il croato impegna Donnarumma che risponde efficacemente con un difficile intervento in allungo. Passano ancora pochi minuti ed arriva la migliore occasione in assoluto per i nerazzurri che al 33º colpiscono il palo sugli sviluppi di un’azione convulsa; Icardi tenta di finalizzare con una semi girata che termina però sull’incrocio dei pali. Nel finale della prima frazione di gioco arrivano anche le migliori occasioni da parte del Milan che si rende pericoloso soprattutto quando Higuain e Suso provano a combinare e riescono a calciare una volta a testa verso la porta di Handanovic ma un ottimo piazzamento della retroguardia nerazzurra disinnesca il pericolo. I rossoneri trovano anche il gol sugli sviluppi di calcio d’angolo quando è Romagnoli a cercare la deviazione che diventa un servizio buono per il collega di reparto Musacchio che però parte in posizione irregolare e l’arbitro Guida di Torre Annunziata annulla la rete. Si chiude dunque un primo tempo senza reti dove l’Inter si è fatta nettamente preferire rispetto agli uomini di Gattuso.

Nel secondo tempo il canovaccio della partita non cambia con l’Inter che si fa ancora preferire e riesce a rendersi pericolosa anche se con meno continuità rispetto alla prima frazione di gioco almeno per quanto concerne la prima fase della ripresa. Per larghi tratti del secondo tempo non si registrano grandi occasioni da gol in quanto l’Inter sembra avere necessità di rifiatare dopo aver speso molto e il Milan non riesce quasi mai ad impensierire concretamente Handanovic. Le uniche occasioni dei nerazzurri sono una conclusione strozzata di Politano e un tiro da fuori area di Perisic: sono queste le migliori occasioni prodotte nel secondo tempo ma nessuna dà l’idea di poter essere decisiva. Nel finale di partita l’Inter prova ad alzare nuovamente i ritmi di gioco e la pressione offensiva. All’82º grande occasione per l’Inter propiziata da un’iniziativa personale di Keità che serve Borja Valero e solo un grande intervento di Donnarumma evita guai per il Milan. Tutte le emozioni della partita si concentrano nel finale quando il Milan prova a rendersi pericoloso con un paio di tiri di Suso e Calhanoglu ma quando ormai sembrava quasi inevitabile il pareggio l’Inter riesce con una verticalizzazione rapida a cogliere la difesa rossonera sbilanciata e Vecino può servire Icardi che di testa batte Donnarumma che nell’occasione non è perfetto nell’uscita.

Per i nerazzurri arriva dunque una vittoria meritatissima quanto ormai insperata che porta la squadra di Spalletti al terzo posto in classifica confermando tutti i progressi mostrati già ampiamente nelle ultime settimane, archiviando di fatto il difficile avvio di stagione che era costato diversi punti ai nerazzurri.

Federico Ceste

© Riproduzione riservata