I Lights Out

I Lights Out

Dopo quasi 4 anni dal loro primo album, i Lights Out escono con “Rotten Stramorten” un disco nuovo che mantiene un forte richiamo alle radici del punk anni 90

stampa articolo Scarica pdf

Dopo quasi 4 anni dal loro primo album, i Lights Out escono con “Rotten Stramorten” un disco nuovo che mantiene un forte richiamo alle radici del punk anni 90 con contaminazioni che vanno dal rock classico al hard rock e con melodie vocali e cori.Il disco registrato nei Real Sound Studios  è uscito il 23 novembre grazie alla pubblicazione della RocketMan Records.Per ovviare al problema della replica in sé e per sé del genere punk hanno deciso di incorporare i suoni essenziali insieme a delle ritmiche serrate proveniente da vari ambienti e stili differenti di musica.Come si può notare ascoltando il disco c’è una forte influenza delle band punk degli anni 90 come NoFx, Bad Religion, Vandals, mentre le influenze più indirette sono ad esempio i Boston, Motorhead e The Cribs, queste tra le più famose.L’esperienza dei membri ha portato e dato vita all’ideazione di melodie a più voci e di chitarre a volte coincidenti e altre volte sovrapposte.

L’altra chitarra diciamo che è quella più rockeggiante, si ispira al rock e metal degli anni 70 come ad esempio i chitarroni dei Led Zeppelin e riff alla Randy Rhoads, chitarrista dei Quiet Riot e Ozzy Osbourne.Il basso segue la linea precisa e diretta dando vita a dei giri che arricchiscono le melodie delle chitarre.

La batteria ha uno stile molto ricercato che si differenzia dal solito punk, uno stile molto fantasioso e variegato.In tutte e 13 le tracce presenti si può cogliere la passione e la voglia di questi ragazzi di distinguersi dalla massa nonostante sia un genere molto difficile da cambiare.Non compaiono grandi cambiamenti come ad esempio l’aggiunta dell’elettronica, suoni digitali o cantati rap come spesso oggi si usa fare; ciò nonostante però si differenziano perché hanno aggiunto una nota più rock dal punto di vista musicale e più ricercata sotto l’aspetto del vocale.In conclusione un bel disco, molto ben studiato e ben realizzato che merita sicuramente di essere ascoltato prima di dare sentenze affrettate.

Tracklist

1. Let The Record Play

2. Only You

3. The Show

4. The Summer Of Punk

5. Over The Melody

6. Angry Tonight

7. Stralenctum

8. Fall In Love

9. Into Space

10. When I’m Drunk (Put Stickers On The Cops)

11. The Cashier

12. Back To The ‘80s

13. Tom’s Story

Valerio Mirata

© Riproduzione riservata