SERIE A 2018-2019 JUVENTUS ROMA 1-0

Mandzukic firma il successo di misura dei bianconeri

304
stampa articolo Scarica pdf

La partita più attesa di questo turno prenatalizio è sicuramente la sfida dell’Allianz Stadium tra Juventus e Roma.

FORMAZIONI UFFICIALI:

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Dybala, Mandzukic, C. Ronaldo. All.: Allegri.

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Santon, Manolas, Fazio, Kolarov; Cristante, Nzonzi; Ünder, Zaniolo, Florenzi; Schick. All.: Di Francesco

LA PARTITA:

Avvio di gara con la Juve immediatamente protagonista di un’eccellente partenza con Alex Sandro assolutamente sugli scudi. Al settimo minuto è proprio l’esterno brasiliano a rendersi pericoloso con un tiro che impegna Olsen, cercando di deviare alle spalle del portiere una conclusione dalla distanza di Cristiano Ronaldo che ha poi costretto il portiere svedese al primo intervento della partita. Pochi minuti più tardi è ancora l’ex giocatore del Porto ad impegnare molto severamente il portiere giallorosso sugli sviluppi di una grande azione sulla fascia al termine della quale Alex Sandro conclude verso la porta ma con un colpo di reni Olsen riesce a deviare oltre la traversa. Al 25º è ancora l’imprendibile esterno brasiliano a scagliare un tiro dal limite dell’area di rigore approfittando di un ottimo assist da parte di Dybala ma la sua conclusione questa volta è decisamente imprecisa. La Roma prova a rispondere allo strapotere mostrato nei primi minuti dalla Juventus con un’azione di contropiede che Schick conclude con un tiro troppo debole che non impensierisce Szczesny. Al 33º minuto tocca a Cristiano Ronaldo impegnare Olsen effettuando un tiro piuttosto pericoloso al termine di un’azione personale assolutamente pregevole. Un paio di minuti più tardi la Juventus passa meritatamente in vantaggio sugli sviluppi di un’azione sull’esterno di De Sciglio che crossa un pallone apparentemente innocuo in area su cui si avventa Mario Mandzukic che colpisce di testa anticipando la marcatura di Santon e non lascia scampo ad Olsen. In questo caso resta però qualche dubbio sul fatto che l’intervento dell’attaccante croato sia regolare o meno. Si chiude dunque con la Juventus meritatamente in vantaggio il primo tempo.

La seconda frazione di gioco inizia in modo decisamente più equilibrato con le squadre che sembrano riuscire ad annullarsi con un atteggiamento tattico più prudente da parte di entrambi gli allenatori. Sono comunque bianconere le migliori occasioni del match anche in questa ripresa pur in un secondo tempo che si rivelerà molto meno spettacolare del primo. Bisogna infatti attendere il 58º minuto per vedere un colpo di testa pericoloso da parte di Fazio sugli sviluppi di calcio d’angolo. Sul successivo ribaltamento di fronte arriva una delle migliori giocate offensive della Juventus che va vicina al raddoppio con Ronaldo che colpisce di testa con grande violenza girando verso la porta un cross di Dybala ma ancora una volta Olsen compie un mezzo miracolo e sventa la minaccia in calcio d’angolo. Proprio sugli sviluppi del corner lo stesso Ronaldo si trova nella condizione di poter colpire nuovamente verso la porta ma non riesce a rendersi effettivamente pericoloso calciando verso Olsen da distanza ravvicinata e buttando al vento una grande occasione. Nel finale di gara la Roma prova con grande convinzione ad alzare il proprio baricentro cercando di trovare quell’episodio che potrebbe mettere nuovamente in equilibrio il risultato e si rende pericolosa ancora una volta con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Perotti dove è Cristante ad arrivare più in alto di tutti e colpire verso la porta; in questo caso Szczesny si fa trovare pronto e neutralizza l’occasione. Approfittando dell’atteggiamento più offensivo da parte della Roma arriva anche l’occasione per raddoppiare grazie alla grandissima velocità del neo entrato Douglas Costa che al 91º minuto finalizza un contropiede avviato da Cristiano Ronaldo battendo Olsen per la seconda volta. Dopo aver consultato la VAR l’arbitro annulla questa rete in quanto viziata da un fallo di Matuidi su Zaniolo in avvio di azione. Nulla cambia comunque ai fini del risultato che vede la Juventus vincente tornare a +8 sul Napoli che nel pomeriggio aveva battuto con lo stesso punteggio la Spal di Leonardo Semplici.

La partita dell’Allianz Stadium decisa da #Mandzukic che si conferma l’ammazza grandi di questa stagione. La Juventus torna a +8 sul Napoli.

Federico Ceste

© Riproduzione riservata