SUPERCOPPA ITALIANA JUVENTUS MILAN 1-0

Dopo le molte polemiche per la decisione di giocare la Supercoppa italiana in Arabia Saudita il campo sancisce la vittoria di misura dei bianconeri grazie al gol di Cristiano Ronaldo.

stampa articolo Scarica pdf

Vigilia di gara caratterizzata dalle molte voci di mercato in casa Milan con Higuaín che parte dalla panchina in quella che ragionevolmente sarà l’ultima partita del giocatore rossonero prima del suo passaggio al Chelsea.

FORMAZIONI UFFICIALI:

JUVENTUS: (4-3-3) Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Dybala, Ronaldo. All. Allegri

MILAN: (4-3-3) Donnarumma; Calabria, Zapata, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Paquetà; Castillejo, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

LA PARTITA:

L’avvio di partita è abbastanza equilibrato e su ritmi piuttosto blandi con entrambe le squadre che cercano di rendersi pericolose attraverso alcune folate offensive. La prima occasione per i bianconeri arriva con una combinazione tra Cancelo e Douglas Costa con il brasiliano che viene liberato al tiro dopo un’azione in rapidità dell’esterno portoghese che si conferma subito in ottima condizione. La conclusione dell’ex giocatore del Bayern Monaco si spegne però di poco alta sopra la traversa. I due giocatori di Massimiliano Allegri sono protagonisti anche nella seconda azione pericolosa della gara, quando tocca invece a João Cancelo sfiorare la rete con una conclusione rasoterra ispirata da un passaggio filtrante di Douglas Costa. Al quarto d’ora di gioco arriva la prima iniziativa pericolosa del Milan che dopo un’azione manovrata per vie esterne libera al tiro Calhanoglu ma la traiettoria si spegne alta sulla traversa. Pochi minuti più tardi è ancora il Milan ad andare potenzialmente vicino al gol approfittando di uno svarione in uscita del portiere della Juventus Szczesny ma nessun giocatore del Milan riesce a farsi trovare pronto per deviare la palla in porta mentre Castillejo non riesce a tentare la conclusione al volo. Poco dopo la mezz’ora di gioco è invece un’azione corale della Juventus a permettere a Cristiano Ronaldo di cercare la conclusione verso la porta ma il tentativo di sforbiciata dell’attaccante portoghese non risulta preciso e dunque l’occasione sfuma. È questa l’ultima occasione di un primo tempo comunque interessante anche se sono mancati i gol.

Grande occasione da gol per il Milan in apertura di ripresa sugli sviluppi di un’azione tutta in verticale che mette in condizione Cutrone di essere a tu per tu con Szczesny; il giovane attaccante scaglia una conclusione molto potente che però colpisce la traversa ed i bianconeri riescono a passare indenni il più grande pericolo della gara. Dopo una fase successiva abbastanza equilibrata in cui è comunque il Milan a farsi preferire mantenendo più costantemente il controllo del gioco, al 62º minuto di gioco la Juventus passa in vantaggio con Cristiano Ronaldo che colpisce di testa su assist di Miralem Pjanic e batte un Donnarumma tutt’altro che impeccabile in questa occasione in quanto la palla sbatte praticamente addosso al portiere che però non riesce ad opporsi. L’ultima parte dell’incontro vede alzarsi notevolmente i toni agonistici con entrambe le squadre protagoniste di diversi interventi vicini, se non oltre, il limite del regolamento. A fare le spese di questo mutato clima della gara è Kessiè che per un fallo ai danni di Emre Can viene espulso dopo che l’arbitro ha consultato la VAR. Nonostante l’inferiorità numerica il Milan prova un assedio finale a caccia di quel gol che rimetterebbe in equilibrio il risultato anche con l’ingresso sul terreno di gioco di Higuaín al centro di tante voci di mercato nelle ore immediatamente precedenti la partita. L’occasione più ghiotta per i rossoneri arriva negli ultimissimi minuti quando Conti viene contrastato con un fallo molto al limite da parte della retroguardia bianconera ma l’arbitro Banti decide di lasciar proseguire senza consultare la VAR in questa occasione. È questa sostanzialmente l’ultima opportunità significativa per i rossoneri prima del fischio finale che sancisce la vittoria della Juventus che conquista dunque la Supercoppa italiana per la stagione 2018-2019.

Federico Ceste

© Riproduzione riservata