Uno Nessuno Centomila Rende Omaggio Al Più Celebre Dei Romanzi Di Pirandello

Uno Nessuno Centomila Rende Omaggio Al Più Celebre Dei Romanzi Di Pirandello

Una interpretazione magistrale quella di Enrico Lo Verso, da solo in scena, sul palco del teatro Ghione di Roma, in scena fino a domenica sera 10 Febbraio..

438
stampa articolo Scarica pdf

Uno Nessuno Centomila rende omaggio al più celebre dei romanzi di Pirandello, il “più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita”, quello che sintetizza meglio il pensiero di uno dei più grandi drammaturghi di tutti i tempi. Uno Nessuno Centomila è l’adattamento teatrale della storia di un uomo che sceglie di mettere in discussione la propria vita, a partire da un dettaglio minimo, insignificante. Il pretesto è un appunto, un’osservazione banale che viene dall’esterno. I dubbi di un’esistenza si dipanano attorno ad un particolare fisico. Le cento maschere della quotidianità, lasciano il posto alla ricerca del Sé autentico, vero, profondo. L’ironia della scrittura rende la situazione paradossale, grottesca, accentua gli equivoci. La vita si apre come in un gioco di scatole cinesi, e nel fondo è l’essenza: abbandonare i centomila, per cercare l’uno, a volte può significare fare i conti con il nessuno. Ma forse è un prezzo che conviene pagare, pur di assaporarla, la vita.Una interpretazione magistrale quella di Enrico Lo Verso, da solo in scena, sul palco del teatro Ghione di Roma, in scena fino a domenica sera 10 Febbraio...un'analisi profonda, ma anche scanzonata, del come ci vedono gli altri, una riflessione su chi siamo, ma anche un invito, se cosi vogliamo chiamarlo, a riappropriarci della magnifica esperienza del saper stare soli...davanti a noi stessi, a scrollarci di dosso le mille maschere, che non sono falsità, ma complesse interpretazioni di noi stessi.Una regia attenta, quella di Alessandra Pizzi, a non omettere il messaggio originale...con una giusta dose di autoironia e consapevolezza.Un protagonista calato talmente nel ruolo da ipnotizzare il pubblico, con il quale l'attore riesce a stabilire una empatia e complicità che difficilmente si crea.

Paola Lustrissimi.

© Riproduzione riservata