FIORENTINA NAPOLI 0-0

0 A 0 CHE NON SERVE A NESSUNA DELLE DUE SQUADRE. ANCELOTTI PERDE FORSE L'ULTIMO TRENO SCUDETTO.

259
stampa articolo Scarica pdf

La vittoria era l’unica cosa che contava, il Napoli l’avrebbe anche meritata, ma bisogna essere cinici quando serve e, stavolta, ancora una volta, a Firenze, il Napoli sbatte contro il muro viola e forse dice addio davvero ai sogni scudetto. Con la vittoria si poteva mettere pressione alla Juventus di scena a Sassuolo domani, mentre pareggiando rischia solo di veder aumentare il divario con la stessa, chiudendo di fatto la stagione già al 9 di febbraio. Per la Juventus, dopo il pareggio di Parma, è una settimana difficile, prima Sassuolo e poi la Champions con la doppia sfida con l’Atletico, il Napoli poteva attendere alla finestra cosa succedesse, un passo falso dei campioni d’Italia poteva starci e tutto poteva venire messo di nuovo in discussione, ma niente, non è cosa da fare, sognare in grande. Possiamo già dare la colpa ad Ancelotti? Alla Società che tratta la cessione di Allan a gennaio perdendo di fatto altri due giocatori come Hamsik e Rog nello stesso reparto? Aspettiamo, ma i tre mesi che seguiranno saranno uno strazio se non si darà il 200 per 100 in Europa League, ultima competizione dove il Napoli è in corsa davvero. Saprà Ancelotti evitare che tutto vada buttato via?

La Formazione era quella migliore a disposizione per Ancelotti, Meret in porta, Hysaj, Maksimovic, Koulibaly e Mario Rui in difesa, Callejon, Allan, Ruiz, Zielinski a centrocampo con Mertens e Insigne di punta con Milik pronto a subentrare. Pioli conferma il trio Chiesa, Muriel e Gerson con Simeone in panchina. Arbitra Calvarese.

Al 5’ subito palla gol per Insigne, l’attaccante del Napoli non prende la porta da posizione favorevole. Al 6’ Mario Rui deve abbandonare per infortunio, dentro Ghoulam. Al 10’ Mertens ci prova in area, ma Lafont respinge bene. il Napoli spinge a testa bassa, al 12’ ancora Insigne, che non trova, però, la porta con il suo destro a giro. Al 21’ palla gol per Callejon, Mertens vola sulla sinistra e crossa sul secondo palo dove è ben appostato lo spagnolo, ma anche lui non centra il bersaglio da posizione molto favorevole. Al 27’ finalmente si vede la Fiorentina, Chiesa scatta sulla sinistra, trova il fondo e crossa per Veretout, Meret respinge e Dabo spara alto. 35’ Mertens ha la palla buona dopo un’azione Insigne Zielinski, Lafont dimostra di essere un grande portiere e respinge. Primo tempo a reti bianche con il Napoli che avrebbe meritato il vantaggio.

Secondo tempo con il Napoli che riprende ad attaccare, al 52’ ci prova Zielinski su assist di Callejon e Lafont che respinge in angolo. Ci prova Chiesa al 57’ seminando il panico in area napoletana, ma nessun compagno si fa trovare pronto sul cross in area. Dentro Milik per Mertens, al 70’ ci prova Fabian Ruiz, di poco a lato. 4’ di recupero, al 92’ Milik in scivolata trova solo l’esterno della rete dopo una bella azione di Callejon. La partita termina e con essa le speranze del Napoli di portare via da Firenze i tre punti.

La vittoria sarebbe stata meritata sul campo, ma a volte serve più lucidità, più freddezza. Ancelotti ha avuto il merito di non far sbaraccare una nave che poteva affondare con l’addio del comandante Sarri, ma si poteva fare di più, anche perché tanto si è fatto, 52 punti non sono affatto pochi e la Juventus non è detto che le vincerà tutte. Però dopo stasera sarà tutto più complicato.


© Riproduzione riservata