Roma-Porto 2-1: La Notte Di Zaniolo. Le Pagelle

Brilla la giovane stella giallorossa. Sontuoso Dzeko. Promossa tutta la squadra

stampa articolo Scarica pdf

Altra bella prestazione di una Roma che in Champions continua a esprimere bel calcio, fatto di aggressività e qualità. Trascinati da Edin Dzeko, i giallorossi vincono la gara di andata col Porto: 2-1, doppietta del predestinato, Nicolò Zaniolo. Nel finale Adrian Lopez rovina la festa romanista e riapre tutto in vista della gara di ritorno, ma forse è meglio così: questa Roma ha già dimostrato di non potersi adagiar sugli allori. 

Mirante 6 Impotente sul diagonale di Adrian Lopez. Serata tranquilla per l'esperto secondo portiere giallorosso. 

Florenzi 6 Spinge bene quando può, ma dedica la sua partita a contenere Brahimi e le ali lusitane. Riconquista il suo pubblico.

Manolas 6.5 Solita diga. Determinazione e fisicità ad eludere Fernando e Soares. Se gli attaccanti deludono, gran merito è il suo. 

Fazio 6.5 Testa alta, concentrazione ed esperienza. Finalmente senza sbavature. Sortite offensive, quasi come lo scorso anno. Splendido il lancio su Dzeko nel primo tempo.

Kolarov 6.5 Spinge benissimo a sinistra, come vuole il suo fantastico bagaglio tecnico. Sicurezza.

Cristante 6 Appannato nel primo tempo, cresce nella ripresa. Sacrificio a servizio dei compagni.

De Rossi 6.5 Altra gran prestazione che evidenzia la sua intelligenza calcistica. Come col Milan, brillante. Carattere, faro e fulcro per i suoi compagni di squadra.

Pellegrini 6.5 Nel primo tempo leggermente sottotono, sale tantissimo nella ripresa. Tecnica e qualità per lanciare l'azione, personalità per concludere dalla distanza. 

Zaniolo 7.5 Olimpico tutto suo. Sempre di più. Fantastica doppietta a 19 anni in Champions. Due gol che arrivano da un ruolo non suo, quello di ala destra. Ma da gran campione quale sarà, interpreta bene con fisicità e tecnica anche questa posizione. Gran protezione di palla e gran fiuto del gol di chi sa di essere un predestinato. 

Dzeko 7 Se non fosse per Zaniolo, sarebbe nettamente il migliore in campo. Eccolo il vero Edin, ormai tornato ai suoi livelli. La Champions è casa sua. Palo clamoroso nel primo tempo, altro montante nella ripresa che funge da assist per Zaniolo. Porta a spasso Pepe e Felipe. Ancora centravanti di livello internazionale. 

El Shaarawy 6.5 Nel primo tempo salta l'uomo, punta per far la differenza e creare l'uomo in più. Nella ripresa non riesce a far male sbagliando qualche scelta negli ultimi metri, ma resta pericolissimo. Prestazione più che positiva, continuità dopo Verona.  

© Riproduzione riservata