Asia Argento Interpretata Da David Pompili

Asia Argento Interpretata Da David Pompili

Al Macro Asilo di via Nizza a Roma, fino al 14 aprile, l’artista presenta la mostra “A.S.I.A.” cogliendo nuove sfaccettature ed un inedito ritratto del controverso personaggio

stampa articolo Scarica pdf

David Pompili continua a stupirci con la sua interpretazione artistica del mondo contemporaneo e questa volta lo fa con un personaggio fra i più discussi degli ultimi tempi grazie alla sua notorietà e natura indomita. Infatti, l’artista spoletino da tempo residente nella Capitale, ci propone al Macro Asilo di via Nizza a Roma dall’8 al 14 aprile la mostra “A.S.I.A.” in cui da una sua interpretazione di Asia Argento cercando di cogliere tutti quegli aspetti che difficilmente vengono fuori dai rotocalchi su cui l’attrice è sempre protagonista.

A fare un’analisi della mostra è il critico di arte contemporanea Gianluca Marziani e curatore della stessa mostra che ha evidenziato il come David Pompili abbia intuito non solo la bellezza ma anche la grinta leonina, le sfaccettature sentimentali, i risvolti umani, le passioni incise sulla pelle, la potenza interiore che lo sguardo di Asia raccoglie con esiti senza tempo. L’opera di questa residenza è un’azione figurativa di grande formato parietale. Un muro di presenze sceniche da cui emerge il volto universale di Asia Argento, il suo sguardo che interroga ma non chiede, i suoi occhi felini che trafiggono l’ombra e mangiano il buio. Pompili ha dialogato con l’intreccio dei suoi tanti mondi, ha compreso il silenzio attorno alle parole, la poesia dove non tutti la colgono, ha capito che Asia tesse trame reali che proiettano la sua bellezza nei margini aperti del simbolo.

La mostra al Macro Asilo, ideata e prodotta da David Pompili con l’assistenza tecnica di Danilo Rossi, rappresenta sicuramente un ulteriore tassello dell’ascesa dell’artista che riesce a conquistare con opere dal carattere anticonvenzionale e un linguaggio squisitamente allegorico.

Un carattere sicuramente originale che, comunque, riesce a miscelare elementi provenienti dai movimenti artistici più vari come la Pop e la Street Art e le avanguardie storiche.

                                                                           Rosario Schibeci 


© Riproduzione riservata