ROMA JUVENTUS 2-0 : LA ROMA NON MOLLA

FLORENZI E DZEKO REGALANO LA VITTORIA SUI CAMPIONI D'ITALIA.

273
stampa articolo Scarica pdf

Ranieri voleva la vittoria per poter ancora sperare in un posto Champions e la vittoria è arrivata. Atteggiamento completamente sbagliato nel primo tempo, un 4 3 3 sfilacciato che consentiva alla Juventus ripartenze veloci essendo padrona del centrocampo. Fortuna per il tecnico romano è stata la non precisione degli attaccanti juventini e il momento di grande forma di Mirante. Nella ripresa è stata un’altra Roma, più accorta, reparti più compatti e pronti a rubare palla al centrocampo della Juventus per ripartire e provare a fare male e in una di queste ha trovato il gol partita di Florenzi. Il raddoppio è arrivato a tempo scaduto su ripartenza 3 contro 1. Ranieri è un tecnico fortunato, non lo si può negare, ma è stato bravo a correggere in corsa la sua squadra cercando le ripartenze che poi hanno permesso di raggiungere la vittoria. Il futuro non è poi cosi incerto, l’Inter deve ancora giocare e c’è la possibilità di ridare lustro a un campionato non proprio al livello di quello che si aspettava a inizio stagione. Florenzi su tutti, ma anche Nzonzi ha giocato una partita di livello, un giocatore troppo presto etichettato come bidone, benissimo El Shaarawy, in ombra Zaniolo, forse gli è stato chiesto troppo da mister Ranieri. Mirante comunque su tutti.

Ranieri sceglie Mirante in porta, difesa a 4 con Florenzi a destra, Kolarov a sinistra, Manolas e Fazio centrali, Zaniolo centro sinistra, Pellegrini centro destra con Nzonzi centrale, Kluivert e El Shaarawy ai lati di Dzeko punta centrale. Juventus con Ronaldo e Dybala in attacco, Caceres al posto dell’infortunato Bonucci.

Ronaldo prova subito ad accendere l’Olimpico di marca bianconera al 3’, conclusione a giro sul secondo palo con mira sbagliata e non di poco. Ancora Juventus al 5’, contropiede magistrale con Roma allungata, Emre Can serve Cuadrato tutto solo in area che colpisce in pieno Mirante in uscita ed è solo calcio d’angolo. Roma che fatica a trovare le distanze fra i reparti e si espone a contropiedi micidiali. Ancora Juventus al 15’, Ronaldo semina il panico in area romanista e serve Dybala davanti a Mirante che si supera deviando in volo il sinistro dell’argentino. Risponde la Roma, finalmente, al 17’ con El Shaarawy che offre a Pellegrini sulla destra un pallone invitante, ne un tiro ne un cross fatto sta che la palla colpisce la traversa, una grande occasione per la Roma. Al 26’ ancora Pellegrini protagonista con un tiro dalla distanza di sinistro, Szczesny si tuffa ma la palla è fuori di poco. Al 28’ occasione ancora per la Juventus, azione continuata del centrocampo bianconero, palla di Pjanic per Matuidi, scarico per Dybala subito dietro e sinistro rasoterra che prende il palo interno alla sinistra di Mirante, palla che scorre lungo la linea della porta per battere contro l’altro palo e uscire, ancora un’altra occasione sprecata per l’argentino, Roma che non riesce ad arginare il centrocampo juventino. Al 35’ El Shaarawy entra in area di rigore dribblando tutti, al momento del tiro Chiellini salva tutto, peccato se avesse alzato lo sguardo l’ex Milan avrebbe potuto trovare compagni liberi in area. Massa fischia la fine del primo tempo senza recupero.

Ripresa senza cambi nelle due squadre, al 48’ panico in area juventina con Dzeko che tenta di colpire di testa ma Chiellini salva tutto. Ammonito Dzeko per fallo su Chiellini a centrocampo al 51’. Al 53’ occasione per la Roma, anzi doppia e sempre nei piedi del Faraone, prima di destro e poi di sinistro non riesce a trovare la via della rete da pochi passi. La Roma in campo è cambiata rispetto al primo tempo, reparti più vicini e più compatti. Al 63’ Ronaldo su assist di Dybala realizza su Mirante in uscita ma il fuorigioco del portoghese fa annullare tutto alla terna arbitrale. Al 65’ contropiede perfetto innescato di Ronaldo per Dybala per Emre Can che colpisce rasoterra potente ma Mirante si fa trovare reattivo e para la conclusione, sulla ripartenza il portiere della Juventus tocca in angolo un gran tiro di Pellegrini. Lo stesso Pellegrini deve lasciare il posto a Cristante per un infortunio un minuto dopo alla coscia. Dopo minuti di tiepido torpore al 79’ la Roma passa in vantaggio, invenzione di Dzeko per Florenzi che a tu per tu con il portiere juventino effettua uno scavetto magistrale che va a morire dolcemente sul secondo palo, bellissimo gesto tecnico per il numero 24 giallorosso che manda in visibilio la propria tifoseria. Continua a spingere la Roma al 83’ con Florenzi che non trova la porta al volo di destro. La Juventus prova a raddrizzare la partita ma al 4’ di recupero Dzeko in contropiede tutto solo realizza il secondo gol e chiude la partita.

Vittoria importante, risposta all’Atalanta, al Milan e al Torino che avevano vinto precedentemente e la corsa Champions è ancora aperta anche alla Roma, aspettando l’Inter domani sera. In caso di mancata vittoria della squadra di Spalletti la lotta sarà aperta addirittura a cinque squadre per due posti, tutto davvero può ancora accadere. Intanto una vittoria sulla Juventus non si butta via mai, la soddisfazione è tanta e i campioni d’Italia non hanno regalato niente, anche con pochi stimoli hanno giocato un gran primo tempo per poi soccombere nel finale. La gente romanista è tornata a casa soddisfatta e con un futuro ancora tutto da scoprire.

GIUSEPPE CALVANO


© Riproduzione riservata