Renè Conti Visintainer

Renè Conti Visintainer

Il mio progetto principale è quello di far arrivare tramite le mie canzoni la mia allegria e positività, in questo momento penso che tutti abbiamo bisogno di un po' di leggerezza

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

"Mia madre è una milf" è il singolo di esordio di Renè, la spumeggiante e poliedrica artista che, sicuramente, farà parlare molto di sé durante l'estate, con questa simpatica canzone che darà ritmo alle giornate portando una ventata di allegria pur toccando un tema molto attuale.

Buongiorno Renè una tua piccola biografia per i nostri lettori?

Buongiorno a voi! Biografia breve breve..Ho 25 anni, sono nata a Roma da padre romano e mamma trentina. Sono lureanda in psicologia clinica, ma probabilmente non sarò mai una psicologa. Oltre al canto che è la mia piu grande passione, pratico molto sport, e...tiro con la pistola!

Il brano è stato scritto da Raffaele Viscuso, è stato arrangiato e mixato da Marco Sissa. Il video della canzone, diretto da Lorenzo Poniciappi e Antonio Zitiello: ti sei circondata dei migliori professionisti per realizzare il tuo lavoro ? Lavorare con questo team ti ha “motivato” alla grande ?

Lavorare con un team come questo mi ha prima messa un po' in imbarazzo (non dimentichiamo che Sissa è il “creatore” di "andiamo a comandare" di Rovazzi) ma poi mi ha dato più stimoli la volontà di essere all’altezza di queste persone (non ho dormito per giorni!)

"Per certi versi, potremmo dire che Renato Zero è l'inventore del Glam Rock". Non lo dice un giornalista italiano o un amico del cantante romano, ma lo scrive il sito americano Dangerous Mind – fondato da Richard Metzger – che si definisce "compendio di nuove e strane idee nuove, forme nuove d'arte, nuovi approcci alle cose social e nuove scoperte dai confini remoti della cultura pop": la tua musica dove si pone come “concept musicale”? ti piacerebbe duettare con questo artista ?

Mi viene da ridere, sai perché? Proprio pochi giorni fa ero in macchina con quella anzianotta di mia madre che mi fa sentire sempre la musica dei suoi tempi, mediamente la snobbo ma quel giorno mi ha fatto ascoltare un pezzo “simildemenziale” di Renato Zero, che mi ha folgorata! Ne vorrei realizzare la cover, non ti dico quale sennò mi rubano l’idea, aha aha! (ride) Ps. Quando ero piccola gironzolavo a casa di Renato e lui ripeteva spesso che ero una bambina strana e per questo avrei dovuto diventare una cantante

Hai deciso di cantare in italiano: punti sul mercato del nostro paese per farti conoscere come artista ?

Sì: mi piace cantare nella mia lingua per distinguermi da quasi tutti i nuovi cantanti che si esibiscono in inglese, e poi, l’inglese lasciamolo agli inglesi.

È Carmen Pierri la vincitrice di The Voice 2019. Tuttavia, dietro questo trionfo non è mancato un vortice di polemiche. Tra chi contesta il fatto che la cantante non è comparsa sul palco per ritirare il premio e chi ha notato degli strani dettagli sul televoto: che idea hai dei talent? sono realmente un trampolino di lancio per la carriera ?

Non ho seguito de voice, ma credo che alcuni talent siano un bel trampolino di lancio, ti danno sicuramente molta visibilità...io non ho pensato mai di partecipare perché forse sono troppo emotiva e non so come reagirei ad un eventuale bocciatura, preferisco stare nel mio brodino

Elettra Lamborghini che al settimanale Tu Style ha rivelato di essere molto religiosa: “Io domando e Dio mi risponde, è difficile da spiegare. Credo di essere un po’ sensitiva. La spiritualità è importante. Vado in chiesa, leggo la Bibbia, compro rosari, tanti rosari…”: hai anche tu un rapporto come quello di Elettra con l’Altissimo ?

Premetto che Elettra Lamborghini mi piace tantissimo! Mi piacerebbe un giorno duettare con lei perché la trovo simpaticissima e dissacrante quanto basta. Non sono in linea con lei, non ho rapporti con Dio perché non ho ricevuto un educazione religiosa. I miei genitori hanno preferito non inculcarmi nessun dogma e lasciarmi libera di scegliere da adulta la mia via.

La 17enne olandese Noa Pothoven non è ricorsa all'eutanasia con il permesso delle autorità del suo Paese, ma si è lasciata morire in casa, smettendo di mangiare e bere. A 24 ore dalla diffusione di una notizia che ha fatto il giro del mondo, la vicenda ha assunto contorni più precisi e si è scoperto che una clinica dell'Aja aveva negato a Noa l'eutanasia perché troppo giovane: una notizia devastante? Ti senti di commentare questa tristissima vicenda ?

La notizia di Noa mi ha sconvolto. Non mi chiedo se sia giusto o no aiutare a morire una persona, piuttosto mi chiedo come nessuno sia riuscito ad aiutarla, ho letto che ha fatto anche l’elettroshock senza ottenere nessun risultato. Questo dà un' idea di quanto una violenza sessuale sia devastante, e quanto spesso le persone o le leggi non considerino questo reato simile all’omicidio, invece del corpo ti uccide l’anima. Terribile.

Marco Carta è volato in Grecia, a Mykonos, dopo lo scandalo che l'ha travolto in Italia. Il cantante, infatti, è accusato di furto aggravato alla Rinascente di piazza del Duomo a Milano. E anche se il giudice non ha convalidato l'arresto, a settembre sarà processato e rischia fino a 6 anni di carcere. A breve uscirà il suo nuovo album…

Marco Carta...guarda, anche qui non saprei cosa dire. Se fosse VERO, sarebbe veramente vergognoso. Se fosse una bufala per pubblicizzare un album, beh, sarebbe altrettanto vergognoso. Spero che sia stato un equivoco.

La classifica delle città più trafficate del mondo non lascia scampo alla capitale: siamo al primo posto assoluto in Italia e al 31esimo posto nell'intero pianeta. Un punteggio spaventoso perché ci stiamo paragonando a metropoli come Mumbai, Bogotà, Lima e Nuova Delhi, in ordine di classifica per congestione: come vivi questa città? ti ispira per la creazione di testi e messaggi sulla sostenibilità ?

Guarda, io amo moltissimo la mia città, è la piu bella del mondo, ma non posso fare a meno di paragonarla alle altre metropoli e purtroppo ne esce quasi sempre sconfitta. Viaggio molto, anche in posti tecnicamente disagiati (abito anche in Africa, ad Addis Abeba) eppure c’è sempre qualcosa che funziona meglio, persino in Africa!

Il 30 maggio, nell’ultima amichevole pre Mondiale, l’Italia ha battuto la Svizzera per 3-1. Nel post partita, in zona mista, Elena Linari, difensore centrale della Nazionale, mostra capacità di storicizzazione definendo quello di Francia 2019 come «il primo vero Mondiale». Ne ha tutte le ragioni, poiché questa edizione della Coppa del Mondo è la prima di una nuova epoca del calcio femminile: seguirai questa manifestazione? ti piace il calcio? ti piacerebbe scrivere l’inno per i prossimi europei che si svolgeranno anche qui Italia ?

Che domanda!!! Sono figlia di un calciatore ovviamente amo il calcio! E sì, mi piacerebbe moltissimo cantare la sigla dei mondiale, avrei già un' idea. Ti confesso che da piccola giocavo a pallone in una squadra dove mio padre faceva il ds. Gli dissero che ero molto brava e per tutta risposta mi fece smettere, perché secondo lui mi sarei mascolinizzata! Ancora oggi ogni tanto palleggio sul terrazzo!

Per tenere alta l’attenzione, è stata istituita dalle Nazioni Unite la Giornata Mondiale dell’Ambiente, che si celebra oggi. Gli obiettivi dell’Unione Europea sono elencati nel quadro per il clima e l’energia 2030, che prevede una riduzione di almeno il 40% delle emissioni di gas serra entro 11 anni. Che poi i singoli Stati ci riescano, è tutto da vedere il tuo rapporto con l’ambiente, che idea hai della piccola Greta? #temi anche tu che sia importante salvaguardare il nostro pianeta ?

Penso che tutte le persone oramai abbiano preso coscienza che è importantissimo tutelare il nostro pianeta. Nel mio piccolo collaboro. Mai buttato una carta per terra, anche perché in quanto figlia di una trentina sarei stata immediatamente mutilata della mano colpevole!

Ci sono dei grazie nella tua carriera ?

Sì, ci sono dei grazie. Il primo lo devo a mia madre, che mi ha supportata in tutte le mie scelte. “cazziandomi” (si puo dire?) come solo una madre di ferro come lei sa fare. Devo a lei se ho studiato canto, recitazione, ballo, chitarra e pianoforte, perché mi ha sempre detto che qualunque lavoro per farlo al meglio va affrontato con impegno e serietà, studiando e sudando. Poi devo ringraziare i miei produttori Stefano Colombo, Alex Zullo e Alessandro Raffaelli che hanno creduto in me sebbene sia una perfetta sconosciuta, loro che hanno sempre avuto “affari” con cantanti famosi. Lo stesso discorso vale per Sissa che mi ha onorata di arrangiare il pezzo e ovviamente all’autore Raffaele Viscuso che ha scritto per me oltre a questa canzone anche altri brani bellissimi che spero di inserire nel mio album

Progetti per il futuro ?

Per ora il mio progetto principale è quello di far arrivare tramite le mie canzoni la mia allegria e positività, in questo momento penso che tutti abbiamo bisogno di un po' di leggerezza, poi mi auguro di continuare in questo cammino di cantante per molto tempo. Ah sì, devo anche laurearmi, mi mancano due esami, in realtà non è una priorità ma se non lo dicevo i miei mi fucilavano!

Stefano Cigana

© Riproduzione riservata

Multimedia