Kronos E Kairos. I Tempi Dell’arte Contemporanea.

Kronos E Kairos. I Tempi Dell’arte Contemporanea.

A cura di Lorenzo Benedetti, la rassegna rinnova l’appuntamento con l’arte contemporanea nei monumentali spazi del Palatino ed è stata realizzata con il coordinamento scientifico della Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane.

stampa articolo Scarica pdf

Presentata questa mattina alla stampa la mostra Kronos e Kairos. I tempi dell’arte contemporanea.

A cura di Lorenzo Benedetti, la rassegna rinnova l’appuntamento con l’arte contemporanea nei monumentali spazi del Palatino ed è stata realizzata con il coordinamento scientifico della Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane, promossa dal Parco archeologico del Colosseo, con l’organizzazione di Electa.

L’esposizione resterà aperta al pubblico dal 19 luglio al 3 novembre 2019.

15 le opere di altrettanti artisti italiani e internazionali invitati a partecipare, i quali hanno rielaborato o creato le loro opere in funzione del luogo: un’area archeologica particolarmente carica di grandiosi segni del passato, importante condizione di confronto.

Le opere scelte, tra audiovisivi e installazioni, si combinano con gli scenari dei palazzi imperiali: dalle monumentali Arcate Severiane alla quiete dello Stadio Palatino, dalla spazialità del peristilio inferiore della Domus Augustana fino al piacere estetico della Sala dei Capitelli. L’antico e il contemporaneo si sostengono e accolgono vicendevolmente, aprendo il varco ad una relazione continua tra il mondo di ieri e quello di oggi

Gli artisti in mostra: Nina Beier - Catherine Biocca - Fabrizio Cotognini - Dario D’Aronco - Rä di Martino - Jimmie Durham - Kasia Fudakowski - Giuseppe Gabellone - Hans Josephsohn - Oliver Laric - Cristina Lucas - Matt Mullican - Hans Op de Beeck - Giovanni Ozzola - Fernando Sánchez Castillo.

Il catalogo, edito da Electa, oltre a costituire un’utile guida alla mostra, riunisce un’antologia critica che indaga i significati e i limiti del tempo.

© Riproduzione riservata