Tangenziale Est Di Roma, Fine Di Un Altro Pezzo Di Romanità

Tangenziale Est Di Roma, Fine Di Un Altro Pezzo Di Romanità

Dopo oltre 40 anni di attività, la tangenziale est - nata per far scorrere più velocemente e di conseguenza diminuire le distanze tra le zone periferiche e quelle centrali, nonché per diminuire il traffico della Capitale nel raggiungere i vari quartieri.

308
stampa articolo Scarica pdf

Tangenziale est di Roma, fine di un altro “pezzo” di romanità

Dopo oltre 40 anni di attività, la tangenziale est - nata per far scorrere più velocemente e di conseguenza diminuire le distanze tra le zone periferiche e quelle centrali, nonché per diminuire il traffico della Capitale nel raggiungere i vari quartieri - sta per essere demolita. La viabilità è uno dei numerosi problemi, che da molti anni, attanaglia le varie giunte capitoline.

Sono partiti lunedì 5 agosto i lavori di demolizione della tangenziale est, così è stato deciso dal Comune di Roma, un progetto atteso da 20 anni. La prima parte ad essere demolita sarà il tratto di fronte la stazione di Tiburtina Trenitalia S.p.A., Metropolitana linea A e capolinea autobus, in quanto da alcuni anni è divenuto uno snodo importante, per gli arrivi e partenze dalla città. L’opera di demolizione inizialmente impegnerà circa 500 metri ma inizierà non prima di aver eseguito i dovuti controlli d'intervento per garantire la realizzazione e la messa in sicurezza della struttura stessa e dei cittadini, in quanto la tangenziale est, in alcuni punti passa molto vicino alle abitazioni, essendo stata costruita in parte in sopra elevata. Un intervento che modificherà la viabilità capitolina, creando non pochi problemi ai cittadini che si spostano con auto, moto o mezzi pubblici, per raggiungere il proprio posto di lavoro. “Si tratta di un intervento atteso da anni che oggi sta diventando realtà, i cittadini potranno finalmente beneficiare della riqualificazione del territorio e l’intero quartiere apprezzerà nel tempo i vantaggi di questa demolizione“. Così ha dichiarato, l’Assessora alle Infrastrutture Margherita Gatta sul sito di Roma del 31/07/19. La tangenziale est, famosa ancor prima di entrare in funzione, è stata prestata come scenografia, per girare alcune scene cinematografiche, in primis, la scena del ragionier Ugo Fantozzi, interpretato da quel genio di Paolo Villaggio (1932/2017), che provava a prendere l’autobus al volo, lanciandosi dal terrazzino del suo appartamento, nel film dal titolo “Fantozzi” (1975) capo stipite della saga, girato dalle sapienti mani del maestro Luciano Salce (1922/1989). Nello stesso anno, sempre in tangenziale est, fu girato un inseguimento tra la Polizia di Stato, in persona del commissario Betti, interpretato dal mitico Maurizio Merli (1940/1989) e due banditi in fuga dopo aver rapinato una banca, il film ha per titolo “Roma violenta” (1975), regia di: Franco Martinelli (1914/1994) scena al “cardiopalma” tra le migliori votata in un recente sondaggio, realizzato tra gli appassionati del genere poliziesco o poliziottesco, come amano definirsi loro stessi. Scena girata utilizzando una tecnica di ripresa innovativa, che fissava la telecamera nello sportello posteriore e puntata sulla ruota anteriore, dando così l’effetto “realistico” dell’inseguimento. Anche le auto impegnate nelle riprese, le mitiche Alfa Romeo, dalle prestazioni eccezionali, usate sia dalla Polizia di Stato che dai rapinatori per gli inseguimenti o la fuga secondo i casi. Tutto l’ambiente cinematografico ringrazia la tangenziale est di Roma.

Articolo scritto da Mario Di Marzio

© Riproduzione riservata