DZEKO GIALLOROSSO FINO AL 2022

Molti lo vedevano già lontano, ma per la maggior parte del tifo giallorosso, dopo tante partenze illustri e sofferte, una sola era la speranza: Dzeko non doveva partire.

stampa articolo Scarica pdf

Fonte immagine: febbredaroma.it

Molti lo vedevano già lontano, ma per la maggior parte del tifo giallorosso, dopo tante partenze illustri e sofferte, una sola era la speranza: Dzeko non doveva partire. E da Petrachi a Fonseca, passando per la curva lui, a sorpresa, ha accontentato tutti rinnovando il suo amore per la Roma fino al 2022, con un ingaggio pari a quello proposto dai neroazzurri, 4,5 milioni di euro a stagione.

Dopo il lungo tormentone estivo, dopo mesi di un addio annunciato e, per fortuna, mai concretizzato, Edin Dzeko ha accantonato il progetto Conte, la sfida Champions, il sogno di vincere più facilmente e ha scommesso ancora una volta su una città che lo ha adottato, amato e odiato, venerato e attaccato, ma mai abbandonato e che lo ha eletto pilastro di una rinascita annunciata.

Fonseca aveva scommesso su di lui sin dal suo arrivo a Trigoria, il suo attaccante di punta era e restava il bosniaco e non aveva perso occasione per farlo intendere al giocatore, anche quando sembrava già tutto fatto con l’Inter.

Ne aveva elogiato la tecnica, le capacità e, soprattutto, la grande professionalità, perché in un mondo di mercenari che disertano gli allenamenti perché con la testa già altrove, lui, Dzeko, non ha mai messo da parte la sua correttezza, continuando ad allenarsi senza sosta, a dare il massimo in ogni occasione, a trascinare la squadra e a stimolare i più giovani.

I tifosi gli avevano chiesto a gran voce di restare, di credere ancora nel progetto Roma, di continuare a segnare e far sognare questa città, di prendersi sulle spalle la squadra e spingerla nuovamente in alto.

La società continuava a tenerselo stretto, a cercare in tutti i modi di non farlo andare via, a non mollare nemmeno un centesimo pur di blindarlo a Trigoria, perché, anche dall’alto dei suoi 33 anni, resta uno dei più forti attaccanti al mondo.

Tutti messaggi, questi, che sono arrivati dritti al cuore del bomber: “In queste ultime settimane ho sentito con forza quanto tutto il club desiderasse che io restassi. Il confronto con i dirigenti, il lavoro con l’allenatore, l’affetto dei compagni e l’amore dei tifosi mi hanno reso ancora più consapevole di quanto ho capito in questi quattro anni: la Roma è casa mia. Qui c’è tutto per vincere un trofeo e sono felice di poterci rimanere a lungo”.

Il rinnovo di Dzeko ha sancito un grande traguardo per la Roma, che ha saputo tener duro, forse per la prima volta, alle lusinghe di una grande società e ha scatenato l’euforia di un intero popolo che per la prima volta dopo mesi ha elogiato, all’unanimità, una società che continuava a deludere.

Grandissimo l’affetto dimostrato sui social da parte dei tifosi, che all’annuncio del rinnovo si sono scatenati tra cuori giallorossi, applausi e dichiarazioni d’amore. Non sono mancati, neanche, i riscontri da parte dei compagni di squadra (in primis Florenzi e Pellegrini) e di grandi campioni del passato e del presente, primo fra tutti Totti con il suo: “Grande bomber”.

E allora: forza bomber, il numero 9 è tuo e non te lo toglie nessuno. Hai già dimostrato fuori dal campo la tua grandezza d’animo in un mondo non sempre leale come quello del calcio, ora continua a farci godere a lungo delle tue prodezze in campo.

Alessia Graffi

© Riproduzione riservata