Torino-Sassuolo 2-1 Stagione 2019-2020

Il Torino rischia, ma conquista i primi tre punti stagionali: vittoria sofferta, ma sostanzialmente meritata.

145
stampa articolo Scarica pdf

Un Torino “dottor Jekyll e mister Hyde” ha ragione di un Sassuolo dimostratosi più che degno avversario: dopo essersi portati sul 2-0, i granata hanno, infatti, subito la reazione dei nero-verdi, comunque riuscendo a resistere anche grazie alle parate del sempre prodigioso Salvatore Sirigu.

L'inizio di partita è di marca torinista, con gli uomini di Walter Mazzarri che passano a condurre già al 14' quando Simone Zaza incorna in rete un preciso traversone dalla destra di Ansaldi: 1-0 e partita in discesa.

Il solito Zaza sfiora il 2-0 al 20', di nuovo con un colpo di testa, ma sul rovesciamento di fronte gli emiliani si rendono pericolosi: tuttavia, Caputo manca l'appoggio solo davanti all'estremo difensore torinista (21').

Dopo un colpo di testa di De Silvestri a lato di poco (33') e un sinistro da fuori di Belotti (41'), il Toro si rende pericoloso al 43' con De Silvestri, che impegna severamente Consigli con un destro in diagonale a mezza altezza: il portiere ospite ribatte ottimamente.

La prima frazione si chiude col Sassuolo pericoloso, con il solito Caputo che, solo dinanzi a Sirigu, “allarga” troppo il diagonale, mettendo nettamente a lato (43').

La ripresa vede i granata protagonisti con Zaza nel volgere di tre minuti; al 47' l'attaccante lucano incorna ottimamente una punizione di Baselli, vedendo la sua conclusione bloccata dall'attento Consigli, mentre al 50' conclude un contropiede superando anche il portiere e depositando in rete: l'iniziale sua posizione di fuorigioco vanifica, però, tutto.

Sirigu è poi due volte strepitoso nel giro di un minuto: al 53' smanacciando sul fondo (evitando un goal-beffa) un tiro di Bourabia da metà campo, sugli sviluppi del successivo calcio d'angolo respingendo prodigiosamente un colpo di testa "a botta sicura" di Obiang (54').

Al 55' arriva, a sorpresa e con un po' di fortuna (una volta tanto...), il raddoppio granata: una conclusione da fuori area di Belotti incoccia sul tallone di Zaza, prendendo una beffarda traiettoria che s'insacca alle spalle dell'incolpevole Consigli, per il 2-0 del Toro.

La rete è comunque del "Gallo".

Quando sembra che ormai sia fatta, i torinisti cominciano a dar segni di stanchezza, “pagando” i 90 minuti del precedente impegno di Europa League col Wolverhampton e cedendo metri al Sassuolo.

Al 64' Sirigu salva i suoi su un gran destro in diagonale di Traorè, ripetendosi al 69': nella seconda occasione, però, sulla ribattuta s'avventa Caputo, insaccando il 2-1, riaprendo la contesa.

I minuti finali vedono il Toro in sofferenza, comunque bravo a resistere, anche grazie alle parate di un Sirigu in versione “Superman”: all'83' il portiere granata ribatte un diagonale di Boga, all'88' sventa la minaccia facendo suo il pallone su un traversone basso di Bourabia, quindi all'89' salva su un sinistro di Caputo.

Finisce, quindi, col successo granata per 2-1: una vittoria sofferta, ma tutto sommato meritata, anche se bisogna onestamente ammettere che, qualora fosse finita in parità, il Sassuolo non avrebbe rubato nulla.

Per il Torino era fondamentale conquistare i tre punti, per iniziare positivamente il campionato e riscattare la sconfitta di Europa League: pur soffrendo, la missione è stata compiuta.

Ora, ovviamente, la mente è rivolta alla sfida in terra d'Albione col Wolverhampton, mentre il prossimo impegno di campionato vedrà il Toro impegnato, domenica prossima, con l'Atalanta: la sentita partita con gli orobici avrà luogo a Parma, stante l'indisponibilità dello stadio dei bergamaschi.


Giuseppe Livraghi

TORINO-SASSUOLO 2-1 (1-0)

RETI: Zaza (T) al 14', Belotti (T) al 55', Caputo (S) al 69'.

TORINO (3-4-1-2): Sirigu; Izzo, Bonifazi (dal 68' Djidji), Bremer; De Silvestri, Rincon, Baselli (all'80' Meité), Ansaldi (dal 46' Aina); Lukic; Zaza, Belotti. Allenatore: Mazzarri.

SASSUOLO (4-3-1-2): Consigli; Toljan (dal 68' Muldur), Marlon, Ferrari, Rogerio (dal 46' Peluso); Bourabia, Obiang, Locatelli (all'81' Raspadori); Traoré; Caputo, Boga. Allenatore: De Zerbi.

ARBITRO: Michele Fabbri di Ravenna.


© Riproduzione riservata