Derby Lazio-Roma 2019-2020: Sale L'attesa. I Piani Di Inzaghi E Dei Tifosi

Derby Lazio-Roma 2019-2020: Sale L'attesa. I Piani Di Inzaghi E Dei Tifosi

Il derby alla seconda giornata di campionato non ha scoraggiato i tifosi: si viaggia oltre le 50000 presenze. Inzaghi ha tutti a disposizione

183
stampa articolo Scarica pdf

Sale  l’attesa per il derby della Capitale Lazio-Roma, valido per la seconda giornata di Serie A 2019-2020, con fischio d’inizio alle ore 18,00. Nonostante si tratti di una domenica di fine estate, nonostante in palio non ci sia un trofeo, nonostante il mercato ancora aperto, il derby è sempre il derby, verrebbe da dire, e porta con sé tutte le motivazioni che lo rendono la partita più attesa, anche il primo settembre.

Per la Lazio sarà l’esordio casalingo dopo l’esordio vincente a Genova contro la Sampdoria. La Roma ha salutato il suo pubblico durante la prima giornata pareggiando in casa contro il Genoa per 3 a 3. Un match che ha evidenziato le lacune della retroguardia giallorossa che è corsa ai ripari con l’acquisto in prestito secco del centrale Smalling.

Due risultati e due prestazioni opposte che hanno fatto volare i pronostici a favore della Lazio che alla vigilia della stracittadina si presenta da favorita. E potrebbe essere proprio questo a danneggiare la squadra di Simone Inzaghi che corre il rischio di sottovalutare un’avversaria sempre pericolosa. Servirà la Lazio migliore e il tecnico ha tutti a disposizione: infermeria vuota, allarme Acerbi subito rientrato e a disposizione anche Lucas Leiva, out una settimana fa al Ferraris. Farà parte del gruppo anche Jony: è arrivato ufficialmente il transfer e il giocatore è a disposizione dell’allenatore biancoceleste. Insomma: sta a Simone Inzaghi schierare la formazione migliore per arginare l’attacco a disposizione di Fonseca, ma il probabile 3-5-2 prevede Strakosha tra i pali, difesa formata da Luiz Felipe, Acerbi e Radu. A centrocampo ancora Parolo sembra favorito nel ruolo di vice Leiva, con Milinkovic, Lazzari e Lulic sulle fasce e Luis Alberto dietro ad Immobile e Correa.  

Oltre all’undici, il tecnico biancoceleste ha anche studiato una preparazione ad hoc per la stracittadina. Aumentate le ore di riposo, ridotte le doppie sedute, la squadra si ritroverà nel centro sportivo biancoceleste sabato per l’ultima giornata di prove tattiche e solo in serata inizierà il ritiro che porta al derby. Ha alleggerito la testa dei suoi: la Lazio è un gruppo coeso e unito da tempo, che sa nei suoi veterani cos’è e come si affronta il derby.

La stessa leggerezza, ovviamente, non si ritrova nei tifosi.

La Lazio ha annunciato di aver esaurito i biglietti a disposizione per Curva e Distinti, si punta ora a riempire la Tribuna Tevere. Oltre 50mila i tifosi attesi, con apertura cancelli prevista per le ore 15,30 con possibilità di anticipo. Di questi, circa 13mila saranno tifosi giallorossi.

E’ boom biancoceleste. C’è entusiasmo quindi sia per quanto visto in avvio di stagione sia per la vittoria nell’ultima stracittadina. Sarà però il primo derby senza Fabrizio Piscitelli, Diabolik: pochi giorni fa si sono svolti i funerali dell’ex capo ultras della Lazio, omaggiato da tutte le tifoserie, anche quella giallorossa. Il suo omicidio e la sua assenza saranno certamente ricordate nel derby: nel primo tempo verrà rispettato il silenzio in ricordo e onore di Piscitelli, per poi scatenare il tifo nella ripresa. 

Enrica Di Carlo 

© Riproduzione riservata