FINO ALLA FINE E OLTRE. LA JUVE BATTE UN NAPOLI MAI DOMO

FINO ALLA FINE E OLTRE. LA JUVE BATTE UN NAPOLI MAI DOMO

I bianconeri dominano, segnano tre volte, colpiscono due traverse ma si fanno raggiungere dai partenopei. Nel finale un autogol di Koulibaly che sa di contrappasso, restituisce i tre punti alla Juve.

179
stampa articolo Scarica pdf

Sarri salta anche la seconda di campionato. Quella alla quale non avrebbe voluto mancare. Martusciello cambia poco rispetto a Parma. De Ligt rimpiazza l’infortunato Chiellini. Fascia a Bonucci. La Juve comanda il gioco e costringe subito il Napoli nella propria metà campo. Ronaldo subito attivissimo, al minuto numero 4 un suo tiro violento viene respinto da Meret. Bene De Sciglio in fascia e De Ligt in copertura in coppia con Bonucci, in assenza di Chiellini, fermato, come detto, da un infortunio al crociato per almeno 6 mesi. Magie di Ronaldo e Napoli falloso su CR7. Higuain volenteroso, chiama la squadra al pressing alto. Minuto 14, fiammata Napoli, tiro da fuori di Allan messo in angolo da Wojciech Szczęsny. Sulla ripartenza da calcio d’angolo, Danilo, appena entrato al posto di De Sciglio infortunato, mette in goal sul contropiede veloce bianconero. Uno a zero al sedicesimo. Giusto così. Buoni fraseggi a centrocampo portano la Juve velocemente in area. Higuain si gira su servizio di Matuidi, salta sul controllo il difensore azzurro e, al minuto 19, castiga ancora la sua ex squadra. 2 a 0. Brutta gomitata di Koulibaly su Bonucci, ferito a sangue all’occhio destro. L’arbitro non ha visto nulla. Juve in 10 e Napoli che non ne approfitta. La Juve pressa alta e rende difficile la manovra al Napoli. Minuto 30, bellissima azione della Juve, tacco di Ronaldo, tocco di Higuain, palla a Khedira murato da un ottimo Meret. Mertens prova a replicare la simulazione di Firenze senza ottenere nulla. Napoli falloso e frustrato per la palese superiorità bianconera. Assedio e dominio Juve. Ancora Khedira, destro secco che va a stamparsi all’incrocio dei pali a Meret battuto al trentaduesimo. Juve anche sfortunata. Bonucci sanguina copiosamente dallo zigomo. Brutto davvero il fallo di Koulibaly. Davvero buono, invece, l’impatto di Danilo sulla partita, efficace ed elegante. Fallaccio di Ghoulam su Douglas Costa. Giallo sacrosanto al minuto 40. Contatto dubbio su Ronaldo fermato in area da Callejòn. Napoli fallosissimo. Ammonito Di Lorenzo per un altro fallaccio, stavolta su Alex Sandro al minuto 44. Si chiude, con la Juve in leggero calo ma in pieno controllo, un primo tempo dominato ben oltre il punteggio dai bianconeri. Secondo tempo che si apre con l’ingresso di Mario Rui al posto di Ghoulam. Le due ammonizioni dei difensori laterali del Napoli pesano sulle scelte di Ancelotti. Lozano prende il posto di Insigne. Buon inizio del Napoli più propositivo. Matuidi perde palla a centro campo e concede un tiro a giro a Mertens. Ammonito il francese bianconero al minuto 51. Juve passiva e Napoli che ci prova. Minuto 54, manovra avvolgente e sciabolata di Matuidi messa in angolo da Meret su tocco di Ronaldo. Brutto fallo a centrocampo di Koulibaly su Douglas Costa. Orsato lo grazia ancora, non lo sanziona e consente una ripartenza al Napoli. Ancora fallosi i partenopei. E’ una sorta di corner corto la punizione assegnata per fallo di Manolas su un evanescente CR7. Cambio a centrocampo fra tedeschi allo scoccare dell’ora di gioco. Emre Can prende il posto di Khedira, autore di una buona prova. Al minuto 62 l’Allianz Stadium celebra il primo goal stagionale di Ronaldo. Azione dalla fascia sinistra, Matuidi in profondità per Douglas Costa che serve all’indietro CR7. Sinistro chirurgico alla destra di Meret e 3 a 0. Replica il Napoli con Manolas che mette in rete di testa su punizione dalla tre quarti. 3 a 1 al minuto 66 e 3 a 2 su contropiede al 68 con Lozano. Troppo stretto ora il vantaggio della Juve che stava letteralmente dominando e reagisce subito. Seconda traversa di Douglas Costa al minuto 69. Napoli pericoloso ancora al minuto 70. Juve calata e disorientata dal recupero del Napoli. Esordio stagionale di Dybala che entra al posto di Higuain, autore di un’ottima prova e di un bellissimo goal al minuto 76.De Ligt a terra consente un cooling break ai suoi 21 colleghi. Niente di grave, può riprendere il gioco. Serata calda allo Stadium. Scivola De Ligt e costringe Alex Sandro a concedere una nuova punizione sulla tre quarti al Napoli. Ammonito il brasiliano. Giunge addirittura l’immeritato pareggio del Napoli, ancora sugli sviluppi di una punizione. Segna addirittura uno scarsissimo Di Lorenzo. Da 3 a 0 a 3 a 3! Pazzesco! Juve stordita. Napoli che ha trovato tre goal casuali. Pesano le due traverse colpite dalla Juve che avrebbe dovuto chiuderla prima. Poco fuori un Diagonale di Douglas Costa al minuto 89. Fino alla Fine, canta lo Stadium che spinge i ragazzi. E all’ultimo respiro la Juve vince una partita dominata e gettata alle ortiche! La punizione stavolta è per la Juve, la calcia Pjanich e Koulibaly, autore dell’ultimo goal vittoria azzurro a Torino, la mette nella sua porta. 4 a 3! Un finale che sembra scritto da un autore di gialli! Pjanich protagonista solo sulla punizione finale, per il resto assente. Ronaldo spento nonostante il goal. Da lui ci si attende molto di più. Sono loro peggiori in campo. Bene Danilo, Khedira e Higuain nella Juve. Troppo poco per giudicare un Dybala comunque osannato dal pubblico.

Di Massimiliano Piccinno

© Riproduzione riservata