Un Belotti Scatenato Trascina L'Italia

Il capitano del Toro è protagonista in tutte le reti azzurre: Euro 2020 è sempre più vicino.

122
stampa articolo Scarica pdf

È un Belotti scatenato, sia in granata sia in azzurro.

Il capitano del Torino toglie, infatti, dagli impicci la Nazionale, rimettendo in piedi la partita con l'Armenia facendosi trovare pronto (al 28') su un traversone dalla sinistra di Emerson Palmieri: destro al volo da pochi passi e pareggio, che scaccia la paura di un'inopinata sconfitta.

Ma, così come in maglia torinista, anche nella partita di Yereven il “gallo” si è reso protagonista di una prestazione maiuscola, sfiorando il 2-1 già nella prima frazione, giocando a tutto campo e dimostrandosi autentico “spauracchio” per i difensori caucasici.

Un Belotti protagonista sia sul terzo goal (poiché la marcatura del 3-1 è giunta da una sua conclusione entrata in porta dopo una carambola su palo e portiere) sia sul secondo, in quanto presente in area (e pure strattonato da un avversario) al momento del traversone poi incocciato in rete da Pellegrini.

Attualmente, il capitano torinista è già arrivato a 8 marcature stagionali (6 in Europa League, una in campionato e una in queste qualificazioni europee), confermandosi uno dei migliori attaccanti italiani: non solo per le reti realizzate, ma anche per la gran mole di gioco creata, per l'andare a cercarsi palloni, per il giocare a tutto campo e per il creare spazi ai compagni (come in occasione del goal del 2-1 azzurro in Armenia).

Tornando alla situazione della Nazionale, i 15 punti in cinque partite (punteggio pieno) consentono di sentirsi praticamente già a Euro 2020: accedendo direttamente alla rassegna continentale le prime due di ogni girone, il vantaggio di 8 lunghezze sul terzo posto (attualmente appannaggio della Bosnia-Erzegovina) a 5 giornate dalla fine consente di star sereni.

Dopo l'impegno esterno di domenica con la Finlandia, infatti, gli Azzurri ospiteranno la Grecia, per poi affrontare la doppia trasferta in Liechtenstein e in Bosnia-Erzegovina, per poi chiudere in casa con gli armeni.

Una vittoria in Finlandia consentirebbe agli uomini del CT Roberto Mancini di mantenere quantomeno il +8 sugli ex jugoslavi (impegnati in Armenia) e d'allungare a +6 sui finnici: con 12 punti ancora in palio (e tre sicuri nel confronto col Liechtenstein), vorrebbe dire qualificazione in cassaforte.

Giuseppe Livraghi


© Riproduzione riservata