Rail & Biwyd ECO FASHION LUXURY PARTY

Rail & Biwyd ECO FASHION LUXURY PARTY

Nella splendida cornice di Brescia, nel cuore pulsante della città, il 28 novembre 2019, presso la boutique Rail, in via San Martino Della Battaglia 5A, avrà luogo l’Eco Fashion Luxury Party.

131
stampa articolo Scarica pdf

ECO FASHION LUXURY PARTY

Nella splendida cornice di Brescia, nel cuore pulsante della città, il 28 novembre 2019, presso la boutique Rail, in via San Martino Della Battaglia 5A, avrà luogo l’Eco Fashion Luxury Party.

Rail è una storica boutique della città, dove lo shopping si mixa con la professionalità e la passione di Alessandro e Francesca per il fashion. In questa rinomata cornice, Rail rappresenta la location ideale per il lancio del brand Eco Friendly Biwyd.

Il nome Biwyd è un acronimo di BELIVE IN WHAT YOU DO e rappresenta i valori che si vogliono trasmettere con il brand: perseveranza, determinazione e motivazione.

Il marchio opera nel mercato dell’Eco Luxury e si focalizza su una produzione fatta interamente con tessuti ecologici e di qualità made In Italy. Oggi, osservando quello che sta succedendo a livello di cambiamenti climatici e di sensibilità popolare si prende coscienza di quanto la terra debba essere salvaguardata, sostenuta ma soprattutto perfezionata per una miglior prospettiva futuristica. L’ecosistema deve essere ripulito da tutto ciò che sta deteriorando il nostro habitat.

Nella moda sono molti gli ambiti che richiedono un impegno di sostenibilità, dalle condizioni di lavoro etiche all’impatto ambientale e al rispetto degli animali.

Il logo Biwyd rappresenta un’onda, acqua in movimento incessante e questo denota cambiamento continuo.

Le onde con il loro movimento perpetuo, cancellano e ripuliscono, purificano e dissolvono, rimuovono e rigenerano, sono energia pura.

Per Biwyd, essere sostenibili significa tenere in considerazione il pianeta e le persone che ci vivono. La Mission di Biwyd è proprio questa, trasmettere un made in Italy interamente ecosostenibile utilizzando materie prime ecologiche per la creazione delle collezioni.

Francesca ed Alessandro, i proprietari della boutique, dopo aver conosciuto la Mission del brand hanno subito sposato la causa mettendo a disposizione la location per accogliere l’evento e presentare alla città il brand Biwyd.

In occasione dell’evento verrà presentato brand Biwyd, dove verranno indossate le innovative T-Shirt. Con i suoi tessuti pregiati il brand propone grafiche disruptive riguardanti tematiche ambientali al fine di orientare il proprio consumer ad una scelta consapevole che riesca a coniugare streetwear, moda e salvaguardia del pianeta. L’idea nasce dal fondatore Giovanni Piccolo, talentuoso imprenditore da sempre appassionato di moda, attento alle ultime tendenze ma soprattutto all’ecologia. Biwyd utilizza tessuti ecologici di lusso rigorosamente Made in Italy riducendo al minimo l’inquinamento e le emissioni prodotte.

Ogni dettaglio viene curato da artigiani professionisti.

Le materie prime utilizzate per la produzione sono tutti materiali nobili e per essere in linea con la Mission Biwyd è stato scelto il cotone biologico di lusso certificato ICEA.

Questo ente è un Istituto di Certificazione senza fini di lucro fatto da esperti in controlli e certificazioni orientati a criteri etici e di sostenibilità ambientale. Il GOTS, Global Organic Textile Standard, è riconosciuto come il più importante standard per la produzione sostenibile di indumenti e prodotti tessili realizzati con fibre naturali da agricoltura biologica come il cotone biologico.

ICEA offre agli operatori del biologico certificazioni valide per il mercato mondiale, riconosciute da organismi di certificazioni esteri e accreditate da Istituzioni nazionali ed internazionali.

Una parte del ricavato delle vendite verrà devoluto in beneficenza presso l’associazione Lampedusa Turtle Group per sostenere e salvaguardare le tartarughe marine. Questo è un progetto a livello internazionale del WWF Italia che opera con successo dal 1990.

https://www.biwyd.com/

Francesca Maria Matteucci 

© Riproduzione riservata