Martina Sabato

Sono i grandi stilisti che dettano le leggi della moda, canoni estetici di " perfezione" e parametri di "assoluta" bellezza.

2437
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Il nostro Mirko Cervelli ha incontrato la bellissima Martina per un'interessante intervista per l'art magazine UnfoldingRoma Buona Lettura.

Buongiorno Martina sei modella, studentessa di recitazione con un occhio strizzato verso il cinema. Sogno o prossimo step?

Esatto proprio così... Mi presento, mi chiamo Martina sono nata in brianza nell'anno 1994 sotto il segno dell'acquario. mi definisco una persona determinata, dinamica e solare. Il mio sogno da bambina era quello di prendere parte nel mondo del cinema e tutt'oggi è il mio obiettivo più grande. All'età di 19 anni decisi di mettermi in gioco. Ho iniziato a posare per diversi fotografi per svariati generi ed il riscontro è stato sorprendente! Mi piace giocare con l'obbiettivo, ed esser immortalata: al centro dell'attenzione. Tenace di crescer professionalmente. Quest'anno ho partecipato con grande entusiasmo al Teaser del film " Ai Confini della Vanità" del regista Giorgio Molteni. Un'esperienza su di un vero set cinematografico.

Il glamour è il tuo campo. Le foto, gli stili, le modelle odierne, quali schemi hanno mantenuto dal passato? C'è qualche differenza ?

A mio parere la bellezza non può esser uno stereotipo: alta e snella. La bellezza è tutto ciò che attrae, non può seguire schemi né aver parametri. Nel corso degli anni tal definizione ha subito certamente mutazioni rientrando in un concetto che potremmo definir non assolutistico. Come non ricordare le curve mordite e sensuali degli anni Cinquanta, icone come Brigitte Bardot e Marilyn Monroe, donne che hanno fatto sognare milioni di uomini Se non più

Hai collaborato con fotografi del settore. Chi ha messo in risalto quella parte di te più nascosta e quali aneddoti ricordi volentieri?

Il glamour è il genere fotografico che maggiormente mi si richiede, valorizza al meglio le mie curve generose e la mia fisicità prorompente. Al contrario della mie forme prevaricatrici spesso si è detto di aver linee del viso molto dolci ed occhi molto espressivi. Tuttavia molto volte mi si è domandato di uniformare la soavità del viso con il mio corpo e viceversa.

Il mondo della moda è un mondo particolare. Cosa ne pensi di chi non è d'accordo sulle modelle rotonde?

E' questione di gusti! C'è a chi piace la donna rotonda con curve femminili e sensuali ed a chi piace la donna molto snella e senza forme. Ritengo che la moda delle sfilate porti all'imitazione ed al conformismo proponendo donne molto alte e scarne come stereotipo da seguire ed il più delle volte non in salute, con disturbi di anoressia. C'è sempre una via di mezzo come in tutte le cose. Ritengo che gli eccessi non potranno mai avere una connotazione positiva

Non pensi che una modella dalle curve giuste e sinuose possa essere un modello di donna che può ritornare dopo quasi un secolo di mancanza?

Perché no?!Si cerca sempre di trovare una bellezza universale, "giusta" per tutte e tutti. Sono i grandi stilisti che dettano le leggi della moda, canoni estetici di " perfezione" e parametri di "assoluta" bellezza.

In America, Ashley Graham, pubblicizza la sua linea di costumi da bagno mettendo in mostra le sue forme. In Europa siamo ancora lontani da questo risultato?

In America c'è un'abissale realtà! Penso che non si possa paragonare, non perchè migliore di noi Europa, né peggiore ma semplicemente differente! C'è anche da dire che spesso e volentieri si confonde il termine curvy con il termine grassa. Come l'anoressia anche il "troppo grassa" è un disturbo. Ritengo che in entrambi i casi non bisognerebbe proporre stereotipi che portano all'eccesso ed estremizzazioni come il "troppo magra" o il "troppo grassa". La bellezza, la moda e conseguentemente gli stereotipi che vengon lanciati a mio parere, devon affondare le radici nella salvaguardia della salute delle donne!

Fabrizio Corona è stato affidato alla comunità di Don Mazzi dopo due anni e quattro mesi di reclusione. L'opinione pubblica sembra essere schierata dalla parte del fotografo. Che ne pensi?

Fabrizio Corona ha saputo farsi amare dai suoi fans consapevoli tuttavia della sua ovvia colpevolezza. Lo hanno sempre seguito fuori e dentro i tribunali eppure dietro le sbarre. É un personaggio che ha saputo giocare con giornalisti e televisione accattivandosi il pubblico. Tanti nemini ma attrettanti amici, ma il dato di fatto é che ha sempre i riflettori puntati.

Clandestini o migranti, un problema ( quasi) tutto Italiano. Sono errate ( per certi versi) le leggi che regolano questi flussi oppure l'Europa dovrebbe intervenire con più determinazione sul problema?

È un dato di fatto che l'Italia non sta attraversando un periodo d'oro è che non è pronta tuttavia ad affrontare da sola flussi migratori consistenti. Ritengo che l'Europa data la nostra precaria condizione dovrebbe intervenire attivamente in tal proposito!

Grazie alla bellissima Martina per aver concesso il suo tempo alla nostra redazione. In bocca al lupo per tutti i tuoi progetti.

Mirko Cervelli

© Riproduzione riservata

Multimedia