Arte E Moda A Palazzo Colonna: Tra Tessuti Preziosi E Colori Vibranti.

Arte E Moda A Palazzo Colonna: Tra Tessuti Preziosi E Colori Vibranti.

Vittorio Camaiani con la collezione FW 2021/22 interpreta Rothko. Sette stilisti dialogano con “I Vizi capitali” di Amedeo Brogli.

stampa articolo Scarica pdf



Lo stilista marchigiano Vittorio Camaiani si fa interprete dello spirito innovativo dell’arte contemporanea per la realizzazione dei suoi ultimi modelli; le creazioni del celebre pittore americano Mark  Rothko hanno , infatti, ispirato con i loro colori  gli abiti presentati nella storica cornice barocca  della Coffee House di Palazzo Colonna, con l’organizzazione di Elena  Parmegiani.

Il 5 Novembre Camaiani ha presentato il defilè della nuova collezione Fall Winter 2021-22 con vari modelli, sempre contraddistinti da eleganza discreta e sobrietà, ma con un riferimento preciso alla tavolozza dell’artista statunitense;

Prendendo spunto dalle “pitture multiformi” di Rothko, lo stilista ha modulato un accostamento particolarmente significativo: dai colori più vivaci ai neri, o blu, come appare negli abiti da giorno, sviluppando in linee verticali ciò che l’artista aveva dipinto in orizzontale.  Tanti i modelli presentati, tra cui spicca particolarmente quello definito dal couturier “grattacielo”: qui il colore occhieggia da spacchi o tagli della gonna in tessuto nero, quasi finestre illuminate nella notte.

Anche le bluse, con l’effetto “vedo non vedo”, le scollature a clessidra, i tessuti preziosi come crepe de chine, satin o shantung, sono ispirate allo spirito e alle scelte cromatiche del pittore.  I  pantaloni  portano sfumature di blu, pervinca o verde come le pennellate dell’artista sulla tela ,le giacche  "a sorpresa”celano nelle parti interne riferimenti alle creazioni del maestro Rothko. Infine  gli abiti da sera, con appena un particolare nella cintura o un tocco di  rosa e rosso che si accende su modelli scuri, e  i cappotti  realizzati con tessuti pregiati come  il cashemere grigio, nero e blu,  o il Suri Alpaca concludono la nuova collezione.

Il grande successo della sfilata, con un parterre di tutto rispetto, ha confermato ancora una volta che il connubio tra  Arte e Moda è vincente, se organizzato e interpretato con stile ed eleganza. Presenti numerosi ospiti illustri, tra cui il principe Guglielmo Giovanelli Marconi, Antonietta Di Vizia, Vincenzo Bocciarelli e Fabrizio Imas.

La suggestiva Coffee  House  di Palazzo Colonna, dal 30 ottobre al 6 Novembre,  ha ospitato anche un altro prestigioso evento:  la mostra Vizi capitali  e contrappassi  del pittore Amedeo Brogli  coordinata da Elena Parmegiani e con la Principessa Jeanne Colonna come madrina.

Nella particolare esposizione, ogni vizio capitale è stato interpretato dall’autore, allievo di Renato Guttuso, con un nudo femminile ed accostato a un diverso colore, animale e simbologia, con vaghi e originali riferimenti  danteschi; inoltre sono stati coinvolti sette famosi stilisti affinché ideassero un modello ispirato al colore del vizio scelto. Alessandro Angelozzi per la Superbia ha creato un abito color oro, Renato Balestra ha interpretato la Lussuria  con un modello nel celebre blu Balestra, Vittorio Camaiani per la Gola ha presentato un capo nella tonalità cognac, Raffaella Curiel per l’Avarizia un completo giallo, Anton Giulio Grande per l’Ira, in un quadro interpretato da Elena Parmegiani, con un abito rosso, Gianni Molaro per l’Accidia una creazione verde acido, Regina Schrecker, per l’Invidia, un modello verde. Arte e Moda, dunque, rivivono attraverso preziosi tessuti e colori vibranti, in un binomio davvero coinvolgente.

Articolo di Giorgio Vulcano.

© Riproduzione riservata