Riccardo Trulli

Non riuscirei mai a scendere a compromessi

1722
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Simpatica chiacchierata con Riccardo Trulli, quinto classificato per la fascia TV del concorso “Il più bello d’Italia”. Visibilmente emozionato Riccardo ci ha concesso di parlare di se e della sua carriera di attore e modello che seppure all’inizio promette già grandi risultati. Emerge il quadro di un ragazzo semplice, cresciuto in famiglia come tanti ragazzi italiani. Il tono cambia però, diventa uomo, quando gli si chiede di esprimere il suo punto di vista su alcuni dei problemi della società odierna o dei fatti di cronaca locale o internazionale, a dimostrazione che l’età, 24 anni, e l’interesse per cose ritenute frivole, non va a pregiudicare la lucidità di giudizio per gli eventi che coinvolgono in primis la sua città. Ringraziamo Mirella Dosi Stancanelli per averci dato la possibilità di incontrare Riccardo Trulli.

Ciao Riccardo, hai 24 anni e fai il parrucchiere. Come mai il parrucchiere e quando hai deciso di intraprendere la strada del mondo dello spettacolo?

Ho iniziato a fare il parrucchiere perché ho mamma e papà e due fratelli che fanno tutti i parrucchieri. Sono 50 anni che hanno l’attività e mi piaceva. Ho cominciato quindi a fare la scuola di parrucchiere. Poi volevo sempre fare il modello ma a causa dei troppi impegni, pallone, lavoro, scuola, non ho mai iniziato e quest’anno mi hanno chiesto se volevo partecipare ad un concorso e partecipando… ho cominciato a vincere! Poi ho fatto anche il concorso “Il più bello d’Italia” e sono andato in semifinale, e dalla semifinale alla finale e sono arrivato V° con la fascia TV!

Fai anche il modello?

Si, ho iniziato da soli quattro mesi ed ho già fatto parecchie piccole sfilate. Si comincia piano piano!

Pensi sia un’esperienza occasionale giusto per cominciare o vuoi continuare?

A me piace particolarmente; mi piace sfilare, vestire in un certo modo, stare in mezzo alla gente, e quindi mi piace un po’ tutto il mondo che gravita attorno al mondo della moda.

Ti piace quindi anche essere ammirato?

(ride con un po’ d’imbarazzo…) Si!
Adesso comincio anche un film dal titolo “La favola di Martina e Francesco di Gennaro Ruggero e a breve cominceremo a girare. Io interpreto Lorenzo, un ragazzo amico di Martina che le fa un po’ da spalla organizzando feste per lei ecc… un ruolo molto centrale quasi un coprotagonista.

Quindi ti trovi a tuo agio sia davanti alla cinepresa che sulla passerella senza alcuna distinzione?

Si, ogni tanto sale un po’ d’ansia perché c’è tanta gente che ti guarda, però mi piace stare lì davanti a tutti, è bella anche l’emozione che ti sale!

Sapresti farmi una critica ed un apprezzamento da spettatore al cinema di questi ultimi anni?

No, nessuna critica apprezzo le produzioni degli ultimi anni, vado volentieri al cinema e guardo sia film comici che d’azione.

Cosa fai per tenerti in forma?

Sto tutto il giorno in negozio, dalle 9 di mattina alle 19 e poi la sera vado in palestra, tre volte la settimana palestra e tutte le sere pre-pugilistica.

Tatuaggi?

Si mi piacciono tanto e ne ho parecchi. Ho fatto metà braccio e qualcun altro sul corpo…

Stai studiando per migliorarti in questo settore?

Si, sto facendo dei corsi di portamento e di dizione. E’ dura ma si può fare!

Cosa non sopporti della società odierna?

Che va avanti gente troppo raccomandata o gente che non vale. Grazie alle conoscenze e alle raccomandazioni vanno avanti e chi invece fa tanti sacrifici resta fermo. Questo vale in tutti gli ambiti lavorativi.

A Genova, è successo qualche giorno fa: un padre picchia il figlio perché fa coming out. Che ne pensi?

Bruttissima cosa, non dovrebbero succedere.

Hai un’opinione sui fatti riguardanti gli immigrati e la reazione che sta avendo l’Europa?

Si ho seguito, e dico subito che non ho niente contro di loro, però secondo me ci sono troppe agevolazioni a loro e poche a noi cittadini italiani.

Quindi limiteresti gli ingressi?

No, ma darei una regolata alla cosa, dando la precedenza a noi cittadini che abbiamo diritto a qualcosa in più. Si sentono in giro tantissime cose anche nelle scuole hanno la priorità rispetto a noi italiani. Ci sono tantissime famiglie italiane in difficoltà che sono in lista d’attesa per poter portare i figli a scuola perché prima hanno la precedenza gli stranieri. Sentire queste storie non è bello per noi.

Se tu fossi il sindaco di Roma da dove cominceresti?

Darei prima un tetto a tutte le persone che ne hanno bisogno e poi il resto.

Credi nell’amore?

Si.

Sei innamorato?

Ero: la storia è finita ed ho un po’ sofferto.

Cosa speri per il tuo futuro? Ti sei prefissato un obbiettivo o segui la corrente e vediamo che succede?

Io vorrei seguire questo campo, ci sto mettendo tutte le mie energie. Voglio dare sempre il massimo e vorrei prima o poi fare qualcosa di bello, emozionante e importante.

Ambizioso quindi?

Si, tanto! Mi sto impegnando tanto: esco dal lavoro faccio palestra, corsi, casting ecc.. e vorrei vedere i risultati

C’è qualcosa che non faresti mai? Un nudo, o una parte strana?

Non mi abbasserei mai di livello, non riuscirei mai a scendere a compromessi. Preferisco fare altri tre anni di fatica. E’ già successo che mi hanno fatto proposte indecenti ed io ho detto di no. Sarei potuto salire di livello, ma ho preferito dire di no.

Se ti dovesse arrivare una proposta per un reality, lo faresti? Un Grande Fratello, Isola dei Famosi?

Dipende…Uomini e Donne No, non l’ho mai sopportato e non lo farei mai. L’Isola dei Famosi…si, dai si divertono e mi piace quello che fanno.

Dammi due nomi di attori importanti, un uomo e una donna, con cui ti piacerebbe tantissimo lavorare?

Will Smith ed Angelina Jolie.

Vuoi aggiungere qualcosa?

No va bene così, come ti dicevo spero presto di raggiungere risultati importanti. Sto facendo tanti casting, arrivano tante telefonate ma è molto dura!

Grazie Riccardo per la tua disponibilità.

© Riproduzione riservata

Multimedia