Maison Celestino S/S 2020

Maison Celestino S/S 2020

L’eleganza e la sensualità della Maison Celestino chiude AltaRoma 2019 metre il sole tramonta nella suggestiva cornice dell'Accademia Nazionale di Danza - Alessia de Antoniis

286
stampa articolo Scarica pdf

Si è conclusa domenica la manifestazione AltaRoma 2019, mentre il sole tramontava sul parco dell'Accademia Nazionale di Danza, con la sfilata Golden Hour - Preview S/S 2020 della Maison Celestino.

Come farfalle palpitanti di luce e colori, le emozioni delle morbide trame della sofisticata Collezione P/E 2020 vibrano nell’aura dorata dell’Accademia Nazionale di Danza, diretta da Enrica Palmieri, sull’Aventino, vincendo non solo simbolicamente la sfida con l’effimero.

Oltre 30 capi da cocktail e grande soirée, con rituale chiusura con abito da sposa, ispirati al tramonto sulle capitali del mondo, unici per qualità dei tessuti e lavorazione sartoriale, compongono una collezione sofisticata dalle linee fluide e ariose con pannelli cromatici intrisi di luce solare.

Aperto dall’elegante momento di danza curato dalla coreografa Brunella Visau e le danzatrici, con la direzione artistica di Giovanni Scura, il fashion show si è mosso intensamente su registri leggeri tingendosi delle cromie della ‘golden hour’ riflessi sulla collezione firmata dalla designer Flavia Pulignano.

Suggestive le acconciature realizzate dalla hair stylist Mariassunta Acri e dal suo staff, al pari del make-up curato dall’Accademia di Ida Montanari, con la supervisione di Enzo Piscopo. Press Office diretto da Maria Christina Rigano.

Notevole l’affluenza di pubblico, tra addetti ai lavori, stampa nazionale e internazionale, esponenti delle istituzioni, del mondo della moda e dello spettacolo.

“Evento esclusivo - afferma Caterina Celestino, portavoce della Maison - che segna un altro importante momento di affermazione di un brand che si identifica nel vero made in Italy e che nel segno dello stile e della qualità fa rivivere le emozioni autentiche della sua storia, spingendole in volo oltre il tempo”.


© Riproduzione riservata