E’uscito L’8 Aprile Il Nuovo Album Di Andreotti

E’uscito L’8 Aprile Il Nuovo Album Di Andreotti

“!973”che rappresenta un esempio di pop italiano.

stampa articolo Scarica pdf

E’uscito l’8 Aprile il nuovo album di Andreotti, “!973”che rappresenta un esempio di  pop italiano.

Andreotti dà uno spaccato di una generazione, accattivante come le caramelle all’uscita della scuola, che , in un’atmosfera un po' retrò ci fa sognare ogni sfaccettatura dell’amore, dal romanticismo alle più sensuali fantasie erotiche.

Bilanciando chitarre e sottofondi suadenti, il cantautore, classe 1993, offre con la sua sensibilità ed il suo erotismo atmosfere ovattate, nostalgiche e con un lirismo tutto suo fa passare per buona ogni tipo di provocazione , un po' graffiante e a volte dissacratorio ma sempre nei limiti del concesso.

Le sue piroette, i suoi miti infatti sono tutti permeati dal sentimento, da una storia d’amore dove si inventano personaggi e ruoli, dal porno amatoriale al l esaltazione di personaggi famosi, in un mondo dove gli insegnanti sono distanti e non interessati ai giovani e c’è chi compra mezza Milano come lo zio per sentirsi importante.

Il mondo adulto, quindi, è del tutto assente e dissonante in una realtà fatta di sogni , un po' romanzata e nostalgica di una dimensione puramente eterea, come la voce del cantautore che, con sussurri e languori ci descrive il suo vissuto dove il sapore agrodolce delle sue parole fa trasparire sentimento e cinismo insieme, laddove i moti del cuore non possono contrastare un amore “non curabile dai medici” , unicamente proprio, e prettamente erotico ma allo stesso tempo fedele e sincero.

Il messaggio di Andreotti dunque è positivo per un’intera classe giovanile dove si è sempre più delusi dalla società che non offre validi modelli per crescere , a volte sbagliati o fuorvianti, dove l’unico valore importante resta l’amore, rifugio e salvezza insieme, mezzo di espressione della propria interiorità nei suoi vari risvolti, buoni e cattivi, fino a voler immedesimarsi in miti e figure innocentemente idolatrate (Batman, Neruda, John Wayne)in un desiderio di grandezza come a voler trascendere la realtà.

Il mondo sensuale ed ovattato di Andreotti ci porta dunque a sognare, a sublimare, a ricordare tempi passati dove la gentilezza ed il galateo erano ancora un valore.

Monica Pecchinotti.

© Riproduzione riservata