Amy Winehouse, La Sua Collezione Di Abiti Venduta All’asta

Amy Winehouse, La Sua Collezione Di Abiti Venduta All’asta

Non sono mancate le critiche rivolte alla famiglia per aver venduto oggetti intimi della cantante.

stampa articolo Scarica pdf


Il guardaroba di Amy Winehouse è andato all’asta. L’evento è durato due giorni a Beverly Hills. La casa d’aste Julien’s Auction ha battuto oltre 800 pezzi unici tra vestiti, borse, reggiseni, dvd, libri, bustini, pantaloni, shorts e trucchi etc.. Grazie a questa iniziativa sono stati raccolti ben 4 milioni di dollari che saranno destinati in parte ai progetti della The Amy Winehouse Foundation. L’ente di beneficenza è stato creato dai genitori della nota cantante inglese con l’intento di aiutare i giovani adulti nel combattere le dipendenze.

Tra i vari cimeli spicca l’ abito che ha indossato Amy Winehouse nella sua ultima performance, che si era tenuta a Belgrado nel giugno del 2011. L’abito in questione è un tubino aderente dal colore nero e verde, con una fantasia di foglie di bambù. Realizzato esclusivamente per lei dall'amica e stylist Naomi Parry. Il minidress bambù partiva da una base d’asta di 15-20 mila dollari. Secondo varie fonti la casa d’aste ha realizzato ben 16 volte il valore stimato.

Non sono mancate le critiche rivolte alla famiglia per aver venduto oggetti intimi della cantante. Nel mentre Naomi Parry sottolinea l’importanza dell’iniziativa: «Che senso ha tenere chiusa tutta questa roba quando potrebbe servire per raccogliere denaro per la fondazione, fare campagne di sensibilizzazione e fare una mostra con tutto questo allo stesso tempo?».  Successivamente ha aggiunto: «Ci sono un bel po’ di ricordi difficili», «voglio che da questi vestiti possa venire qualcosa di più positivo di quello che è stato finora».A partire dal 26 novembre 2021 ad aprile 2022 una parte della collezione andata all’asta sarà esposta al Design Museum di Londra in Amy: Beyond the stage, un modo di celebrare la grande icona della musica a distanza di oltre dieci anni dalla sua prematura scomparsa.

Mimma Gaziano

© Riproduzione riservata