I’M NOT A BLONDE Esce Il 26 Novembre Per INRI/Metatron 1984

I’M NOT A BLONDE Esce Il 26 Novembre Per INRI/Metatron 1984

Secondo singolo che anticipa il nuovo EP

stampa articolo Scarica pdf

Dopo il recente Circles, le I’m Not a Blonde escono con un nuovo singolo, 1984, fuori il 26 novembre negli store digitali e in radio per INRI/Metatron. Il brano è il secondo estratto dal prossimo EP Welcome Shadows, in uscita il 10 dicembre 2021 come parte di un progetto più ampio che prevede la pubblicazione di un secondo EP nella primavera 2022, dal titolo This is Light. Welcome Shadows verrà presentato live il 10 dicembre a Germi, il circolo milanese fondato da Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo.

1984 è un inno synth-pop alla libertà di amare ed esprimersi e al diritto di essere ciò che si è. Cassa dritta e synth arpeggiatore a scandire un ritmo in crescendo che approda a un refrain liberatorio. Voci che si sdoppiano e chitarre che sembrano moltiplicarsi fino a creare un vortice onirico. Un testo essenziale che con poche parole evoca ricordi ed emozioni, oppressione e liberazione, paura e orgoglio, resistenza e abbandono, solitudine e amore per raccontare la storia della scoperta della propria omosessualità durante l’adolescenza.

Liberamente ispirato al capolavoro di George Orwell che ha segnato l’immaginario collettivo di tutto il Novecento e influenzato le creazioni di tanti musicisti – da David Bowie agli Eurythmics, da Alan Parson Project ai Radiohead, per citarne soltanto alcuni – il brano di I’m Not a Blonde parla “di chi ha represso le proprie emozioni per paura di esporsi, fino a quando non ha conosciuto l’amore e non ha potuto più nascondersi”.

Una canzone autobiografica e per questo, visti i tempi, una canzone politica. Perché se è vero che il 2021 reale non è il 1984 orwelliano, è vero anche che ne contiene alcune inquietanti somiglianze, così come con tantissime altre opere distopiche che raccontano il desiderio perenne da parte del Potere di controllare i Corpi e la Morale.

Il celebre slogan femminista “il personale è politico” è dunque più attuale che mai.

© Riproduzione riservata