DOMUS ARTIUM In Intimità Con La Grande Musica

DOMUS ARTIUM In Intimità Con La Grande Musica

Il prestigioso circuito internazionale di concerti ed eventi nelle dimore patrizie del Lazio e della Capitale entra nel vivo con la prima data aperta al pubblico, ospiti HILARY HAHN E ANDREAS HAEFLIGER sabato 15 gennaio Castello Ruspoli, Vignanello (VT) - dalle ore 15.30

stampa articolo Scarica pdf




Una data unica oltre che per la location, per l'occasione di vivere un'esperienza "ravvicinata" e di profonda intimità con la grande musica.

Ascoltare due interpreti come Hilary Hahn, la superstar del violino, un'icona della classica in tutto il mondo e Andreas Haefliger, tra i più fini interpreti beethoveniani, in un salone con un gruppo ristretto di persone, restare a parlare con gli artisti, cenare insieme.

Tutto questo rende questi eventi straordinari. L'esibizione del 15 gennaio peraltro rappresenta un'anteprima del concerto che nel 2022 li vedrà insieme alla Wigmore Hall di Londra con un programma assai simile, così come in tournée in Giappone, Europa e Stati Uniti.

***

DOMUS ARTIUM, il prestigioso circuito internazionale di concerti ed eventi nelle dimore patrizie del Lazio e della Capitale, inauguratosi a novembre con una serata esclusiva al Castello di Bracciano, entra nel vivo con la prima data aperta al pubblico.

Sabato 15 gennaio 2022 è il Castello Ruspoli di Vignanello (VT), location splendida nell'Alta Tuscia, ad un'ora di macchina dalla Capitale, a spalancare le porte alla grande musica.

E lo fa con artisti di straordinaria grandezza, offrendo un'occasione unica di ascoltarli in un contesto così intimo e ristretto, quasi riservato, dando la possibilità di trascorrere l'intera serata insieme condividendo l'esperienza con gli artisti in uno scenario di rara bellezza e suggestione.

Un evento che prenderà avvio alle ore 15.30 con una visita guidata del castello e del magnifico spazio esterno, uno dei giardini rinascimentali più importanti d'Europa con un parterre di rara bellezza. Vere e proprie sculture vegetali che hanno dato vita ad uno degli esempi più eleganti di giardino all'italiana rimasto intatto nei secoli. Ad accogliere il pubblico nella residenza rimasta attraverso i secoli di proprietà della stessa famiglia che ha custodito qui tutta la storia di generazioni, la padrona di casa Claudia Ruspoli insieme al direttore esecutivo Barrett Wissman.

All'imbrunire un gioco di luci, seguendo il profilo delle siepi di bossi, illuminerà il giardino creando un ricamo luminoso che resterà visibile anche dalla sala del concerto creando quasi una performance di light art open air. Un disegno geometrico astratto che sembra animarsi e creare un connubio spettacolare di grande suggestione che perdurerà fino a conclusione dell'evento.

Mai come in questa data però tutta l'attenzione è sulla musica. Preceduto da un brindisi con un calice di bollicine nel Salone principale inizia il concerto. In scena la violinista Hilary Hahn e il pianista Andreas Haefliger insieme per un programma di sonate per violino e pianoforte di Ludwig van Beethoven.

Al violino peraltro Beethoven ha dedicato alcune delle pagine più belle, tra cui il Concerto in Re maggiore e diverse sonate, il 15 gennaio Hilary Hahn e Andreas Haefliger suoneranno per il pubblico di Domus Artium due delle sonate più famose, la celebre Sonata op. 47 detta “a Kreutzer” e la Sonata op. 96.

© Riproduzione riservata