Festival Jazz Idea Del Conservatorio Santa Cecilia Di Roma

Festival Jazz Idea Del Conservatorio Santa Cecilia Di Roma

Con la direzione artistica della cantante e docente Carla Marcotulli

stampa articolo Scarica pdf

Prosegue con grande successo la 3a edizione del Festival “Jazz Idea” del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, con la direzione artistica della cantante e docente Carla Marcotulli.

Domenica 12 maggio dalle ore 18.00 due concerti sempre a ingresso libero.

Primi a salire sul palco, Pietro Tonolo e Fabio Zeppetella con il loro “Workshop”.

Tra i sassofonisti di punta del jazz italiano, Pietro Tonolo ha una carriera di respiro europeo. Ha collaborato con molti tra i principali jazzisti italiani (Franco D’Andrea, Massimo Urbani, Enrico Rava, Rita Marcotulli, Giovanni Tommaso, Danilo Rea, Roberto Gatto) ed europei (Aldo Romano, Tony Oxley, Henri Texier) e ha suonato regolarmente con musicisti come Lee Konitz, Steve Lacy, Joe Lovano, Joe Chambers, Gil Goldstein, Steve Swallow, Eliot Zigmund, Paul Motian, Jordi Rossy, Toninho Horta. Fabio Zeppetella è tra i migliori chitarristi e compositori italiani, si è affermato nella scena jazz nazionale ed europea grazie alla sua tecnica ineccepibile e alla sua sensibilità musicale, con cui ha sviluppato un linguaggio e un suono unico e personale, passando dalla tradizione e dalla musica di maestri come Charlie Christian e Wes Montgomery all’evocazione del be-bop e dell’hard-bop degli anni ’60.  Numerose le collaborazioni con Kenny Wheeler, Lee Konitz, Tom Harrell, Enrico Rava, Paolo Fresu, Aldo Romano, Joey DeFrancesco, Roberto Gatto, Danilo Rea, Steve Grossman, Javier Girotto, Nicola Stilo, Stefano Bollani, Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Gegè Telesforo, Stefano Di Battista, Maurizio Giammarco, Gianluca Petrella, Fabrizio Sferra, Ares Tavolazzi, Ramberto Ciammarughi, Heyn Van De Geyn, Emmanuel Bex e molti altri.
Il programma degli Arundo Donax prende spunto dai brani contenuti nel disco Dancers in Love, che si basa su musica di Duke Ellington e Billy Strayhorn appositamente arrangiata dai componenti per quartetto di sassofoni. A questi brani si aggiungono, sempre in arrangiamento originale, alcuni di quelli che Ellington ha composto pensando al canto di una voce non jazzistica, ma più vicina all’impostazione lirica. A completare il concerto, come d’abitudine per Arundo Donax, anche musica originale scritta dai componenti del gruppo.
La formazione ha inciso finora tre dischi: C’era una volta, dedicato al mondo dell’infanzia, Arundo Donax, con brani di autori come Carlo Boccadoro e Carla Bley, Dancers in Love, con arrangiamenti di musica di Duke Ellington e Billy Strayhorn.
La formazione ha inciso finora tre dischi: C’era una volta, dedicato al mondo dell’infanzia, Arundo Donax, con brani di autori come Carlo Boccadoro e Carla Bley, Dancers in Love, con arrangiamenti di musica di Duke Ellington e Billy Strayhorn.
Come sempre il Festival Jazz Idea organizza una serie di Masterclass condotte da critici musicali e docenti del panorama jazz italiano rivolte agli studenti del Conservatorio di Santa Cecilia. Le prossime in programma per l’edizione 2024:
- lunedì 20 maggio ore 12 Lezione-concerto del pianista, cantante e arrangiatore Mario Donatone sul suo saggio Blues che viaggiano in prima classe.
Conservatorio di Musica “Santa Cecilia”
Via dei Greci 18, Roma - tel. 06.36096720 - www.conservatoriosantacecilia.it
Ufficio Stampa Festival JAZZ IDEA Fiorenza Gherardi De Candei – tel. 328.1743236 info@fiorenzagherardi.com

Il concerto del duo è seguito da quello del quartetto di sassofoni Arundo Donax, formato da quattro grandi maestri dello strumento - Mario Raja, Pasquale Laino, Pietro Tonolo e Rossano Emili - special guest il soprano lirico Federica Raja, tra i vincitori del “Concorso Lirico Internazionale Riccardo Zandonai” 2021 e del Premio Donizetti al “Concorso Internazionale Claudio Desderi” 2023. 

La domenica conclusiva della 3a edizione di Jazz Idea, il 19 maggio, sarà caratterizzata dalle preziose dediche a due grandi leggende della musica. Il primo progetto è Portrait of Ennio, omaggio a Ennio Morricone del sassofonista Patrizio Destriere con Claudio D’Amato al piano, Damiano Lanciano al contrabbasso, Giampaolo Scatozza alla batteria.

In conclusione, la big band di Santa Cecilia diretta dal M° Mario Corvini e il coro del Dipartimento Jazz diretto dal M° Carla Marcotulli, eseguiranno i Sacred Concerts di Duke Ellington.

Caratteristica del Festival, la presenza di grandi artisti affermati nel panorama musicale italiano e internazionale, che si esibiscono accanto ai giovani talenti provenienti dal Dipartimento Jazz del Conservatorio, sul palco della bellissima Sala Accademica del Conservatorio, caratterizzata da una delle migliori acustiche al mondo e dal Grande Organo Walcker-Tamburini.

 

Masterclass

- venerdì 10 maggio ore 14 Improvvisazione: Ritmo e Melodia condotta dal sassofonista Pietro Tonolo

 

Tra gli artisti nel cartellone 2024: la cantante statunitense Michele Hendricks - maestra del vocalise e dello scat, il duo ungherese voce-contrabbasso Agnes Lakatos e Tibor Cshuhaj, il sassofonista Rosario Giuliani con il contrabbassista Stefano Cantarano, il sassofonista Pietro Tonolo e il chitarrista Fabio Zeppetella, il sassofonista Maurizio Giammarco ospite della big band MuSa dell’Università La Sapienza diretta da Roberto Spadoni, il quartetto di sassofoni Arundo Donax con Mario Raja, Pasquale Laino, Pietro Tonolo e Rossano Emili con ospite il soprano Federica Raja, il sassofonista Patrizio Destriere con un omaggio a Ennio Morricone e la big band di Santa Cecilia diretta da Mario Corvini con il coro del Dipartimento Jazz diretto da Carla Marcotulli per i celebri Concerti Sacri di Duke Ellington.

 

CONTATTI


© Riproduzione riservata