Elisa

Elisa in “Diari aperti” apre il suo cuore e la sua soave voce a canti unici per liberare emozioni e sentimenti senza filtri, evocando immagini e sensazioni fuori dal tempo e dallo spazio. Articolo di Michela Di Mattia

362
stampa articolo Scarica pdf

L’album “Diari Aperti”  di Elisa, oltre all’ormai noto “Se piovesse il tuo nome”, contiene altri gioielli musicali, uno più bello e prezioso dell’altro. Poesia pura che accarezza le nostre emozioni e coccola i nostri sentimenti, facendoci perdere per un po’ il contatto con la realtà, sognando ed inseguendo le note poetiche che permeano da ogni verso.

Diari aperti  è il decimo album di Elisa, pubblicato il 26 ottobre 2018 da Island Records, divisione di Universal Music Italia. Il disco è stato prodotto dalla cantautrice insieme ad Andrea Rigonat, Taketo Gohara e Katoo. Sono in totale undici brani e il Diari Aperti Tour partirà nel mese di Marzo in una dimensione raccolta, quella del teatro, per privilegiare il più possibile il rapporto diretto con il pubblico, in coerenza con l’intimità propria di tutto il progetto musicale.

Tracklist:

1. Tutta un’altra storia

2. Se piovesse il tuo nome

3. Tua per sempre

4. Anche fragile

5. Promettimi

6. L’amore per te

7. L’estate è già fuori

8. Con te mi sento cosi

9. Vivere tutte le vite

10. Come fosse adesso

11. Quelli che restano (feat. Francesco De Gregori)

L’Amore cantato evoca immagini e sensazioni uniche, mettendo a nudo il sentimento per eccellenza e le conseguenze che ne derivano. Viene abbandonata ogni forma di linguaggio figurato o metaforico, per il desiderio di raccontarsi senza troppi filtri, senza troppi giri di parole, perché c’è il bisogno di raccontare nel modo più cristallino possibile, i valori da trasmettere. E’ l’Amore, quello bello e sincero, visto e considerato in tutte le sue fragilità, che portano anche a piangere per liberarsi da pesi e sofferenze varie. Un viaggio, quello dell’artista friulana, dentro un’intimità e profondità come fosse un grande specchio dove ognuno di noi può riconoscersi:

“Non ti fidare

Sai quando ti dico che va tutto bene così

E perdonami, sono forte, sì

Ma poi sono anche fragile

Non serve niente di particolare

Solo tornare a pensare che tutto è bello e speciale

Non si dice mai, ma voglio impegnarmi

Salvare un pezzo di cuore

Io non vivo senza sogni e tu sai che è così

E perdonami se sono forte, sì

E se poi sono anche fragile”

In “Anche Fragile” il lasciarsi andare all’Amore, all’innamoramento, comporta anche la consapevolezza dei propri limiti, con la dichiarazione che ne vale pienamente la pena se in ballo c’è un Amore che salva un pezzo di cuore, un Amore che fa stare bene e che fa ridere, un Amore che fa piangere per dare voce ad emozioni e per viverlo nella sua totale pienezza ed onestà.

“vieni qui, ma portati anche gli occhi e il cuore,

stiamo a vedere dove possiamo arrivare

e ridiamo insieme che ridiamo sempre, ma non basta mai“.

Un testo che è anche un invito a dirsi, a confessarsi ciò che si prova nei confronti di un’altra persona, ma anche e soprattutto ciò che si prova verso se stessi. Si esorta ad aprirsi per evitare ogni forma di solitudine ed isolamento, per dare posto alla condivisione, fosse anche delle proprie fragilità. Tutte dinamiche queste che portano a rinsaldare il rapporto tra due persone che si amano.

A conferma del titolo dell’album, i testi sono vere e proprie confessioni, messe per iscritto, che toccano i sentimenti di chiunque si soffermi ad ascoltare e a riflettere sulla loro profondità e sui messaggi che da essi vengono emanati, per immergersi nella commozione pura.

Promettimi che prima di dormire,

qualche volta, non tutte le sere,

ti innamorerai, e o poco o tanto, non ti accontenterai”.

Con “Promettimi” , attraverso la sua voce angelica, dedica la celebrazione del bene supremo al proprio figlio, canzone che è diventata colonna sonora del progetto #finoallultimobambino, del quale Elisa è stata insignita del titolo di nuova Ambasciatrice da Save The Children. E’ una lettera che una madre scrive al proprio figlio per imparare ad amare, ad ascoltarsi e a dirsi ciò che prova per lui.

“io con te ho imparato a dire ti voglio bene…

Cambia tutto ma quello resta sempre uguale,

credo che sia questo amore“.

“L’amore per te”. E’ quel qualcosa che non si fa scrivere su un foglio, che lascia senza fiato, diventa qualcosa di imprevedibile e di non scontato. E’ un travolgimento di emozioni e sensazioni uniche.

“Ma l'amore per te è unico a regola d’arte

È come fosse magico e voltasse le carte

È un po’ come te che non sai mai niente

E poi mi leggi nella mente se ti va …

Se mi prendi le mani sorridi mi sento unica

Mi sento l'unica

E noi possiamo fare tutto ma dimmelo ancora che sono libera”

“Con te mi sento così” si concentra nel racconto del ricordo di una storia passata e ora sfumata tra le dita di chi non può che limitarsi a ripercorrere ciò che è stato.

L’album è pervaso dal sentimento che troneggia e vince sempre in qualsiasi situazione. Ognuno di noi dovrebbe dedicarsi una di queste canzoni, per ricordare di non farci del male con amori sbagliati, di non essere travolti dal mondo esterno e dai non-valori di cui è pervaso. Dovremmo, invece, abbracciare la nostra anima e la nostra sensibilità, rispettando, prima di tutto, noi stessi, senza aspettare che lo facciano gli altri per noi. Solo amando prima noi stessi, siamo poi in grado di donare Amore agli altri.

Ecco le date del Diari Aperti Tour 2019:

· 18 marzo Firenze (Teatro Verdi)

· 21 marzo Bari (Teatro Team)

· 25 marzo Catania (Teatro Metropolitan)

· 27 marzo Roma (Auditorium Parco Della Musica)

· 30 marzo Napoli (Teatro Augusteo)

· 3 aprile Milano (Teatro Degli Arcimboldi)

· 6 aprile Torino (Auditorium Del Lingotto)

· 12 aprile Padova (Gran Teatro Geox)

· 15 aprile Parma (Teatro Regio)

· 16 aprile Brescia (Gran Teatro Morato)

· 19 aprile Trieste (Teatro Rossetti)

· 23 aprile Reggio Emilia (Teatro Romolo Valli)

· 26 aprile Bergamo (Teatro Creberg)

· 29 aprile Cesena (Nuovo Teatro Carisport)

· 2 maggio Bologna (Europauditorium)

· 9 maggio Saint Vincent (Ao) (Palais)

· 14 maggio Genova (Teatro Carlo Felice).

Michela Di Mattia

© Riproduzione riservata