Da Monica Cirinnà A Tiziano Ferro, Papa Francesco Conquista Tutti

Da Monica Cirinnà A Tiziano Ferro, Papa Francesco Conquista Tutti

Le dichiarazioni del Pontefice di apertura sulle unioni civili, raccolgono il consenso di volti noti, da sempre vicini e impegnati nella causa arcobaleno

stampa articolo Scarica pdf

Le dichiarazioni di Papa Francesco di apertura sulle unioni civili, rilasciate nel documentario "Francesco", del regista Evgeny Afineevsky, continuano a sollecitare pareri contrari dal mondo ecclesiastici, come altrettanti positivi da coloro i quali da sempre combattono per la causa arcobaleno. Voci altisonanti e rappresentanti della comunità LGBTQI, hanno commentato con grande favore ed emozione le parole del Pontefice, com'è successo per la Senatrice Monica Cirinnà che, sulla sua pagina facebook commenta: «Che le parole del Papa siano di ispirazione per tutti coloro che ancora pensano che per essere buoni cristiani, si debba escludere qualcuno dal godimento di fondamentali diritti civili. Anche in politica». Una dichiarazione netta quella della Cirinnà, da sempre schierata a favore del riconoscimento dei diritti civili per le persone omosessuali e a fa eco quella della storica attivista Imma Battaglia, che a seguito dell'epocale dichiarazione del Papa, alzando il tiro, afferma: «Grazie. Da donna omosessuale che da più di 30 anni lotta per i nostri diritti, oggi sono la persona più felice sulla faccia della Terra. Ringrazio il regista del documentario che ha fatto vedere a tutti la tua grande umanità ma, soprattutto, ringrazio te per aver fatto una dichiarazione storica e rivoluzionaria. Le coppie gay devono essere riconosciute nelle unioni civili perché costituiscono famiglia. Gesù non discrimina nessuno e gli omosessuali hanno diritto di vivere la lora vita e i loro affetti», afferma Battaglia dal suo instagram, aggiungendo la personale richiesta di benezione per lei e Eva Grimaldi, una nuova famiglia formatasi ufficialmente nello scorso maggio 2019, con una unione officiata proprio da Cirinnà.

Le parole del Papa: «Gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia. Nessuno deve esserne escluso. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo, gli omosessuali godrebbero di una copertura legale. Io ho difeso norme di questo tipo». Parole forti, esternate da un Capo della Chiesa come mai prima ad ora, commentate da Alessandro Cecchi Paone con un perentorio «Ha deciso di rompere gli indugi». Alle voci illustri si aggiunge quella di Tiziano Ferro, che sceglie di scrivere direttamente al Papa, ringraziandolo con questa motivazione: «Perché mi ricordi chi sono, da dove vengo e quanto forte rimarrà la mia Fede».

Articolo di Roberta Savona




© Riproduzione riservata