Modi Di Dire Milanesi/Va’ A Bagg A Sonà L’òrghen

Modi Di Dire Milanesi/Va’ A Bagg A Sonà L’òrghen

Si tratta di un modo relativamente gentile usato per invitare individui “non propriamente ben accetti” a togliersi di torno

stampa articolo Scarica pdf

Uno dei modi di dire milanesi più particolari e maggiormente legati alla storia della metropoli meneghina è senza dubbio “Va’ a Bagg a sonà l’òrghen”, il cui significato letterale in italiano è “Vai a Baggio a suonare l’organo”.

Questo modo di dire consiste in una maniera assai moderata usata per invitare qualcuno a togliere il disturbo, invitandolo a effettuare un’azione impossibile quale quella di suonare un organo… che non esiste.

Il tutto riguarda la chiesa di Sant’Apollinare di via Ceriani del quartiere milanese di Baggio (Comune autonomo fino al 2 settembre 1923, quando venne annesso al capoluogo lombardo), che nel 1865 venne ristrutturata e ingrandita: oltre a ciò, il progetto prevedeva di dotarla di un meraviglioso organo.

Tuttavia, a pochi giorni dalla fine dei lavori e senza aver ancora provveduto all’acquisto dello strumento musicale ci si accorse che i fondi erano ormai esauriti: non potendo chiedere ulteriori sacrifici economici alla comunità (che già aveva contribuito versando offerte per la ristrutturazione), si risolse il problema semplicemente dipingendo un organo su una parete interna della chiesa.

Lo stratagemma venne ben presto scoperto, ma i cittadini (dopo un iniziale disappunto) trasformarono la loro amarezza in ironia, coniando il famoso modo di dire utilizzato per invitare individui “non propriamente ben accetti” a togliersi di torno recandosi (appunto) a Baggio a suonare un organo che non esiste.

Qualora vi recaste a Baggio, però, non potrete “ammirare” il famoso organo dipinto, poiché nel 1875 la chiesa in questione (ormai pericolante) venne abbattuta e ricostruita, dotandola di un vero organo, perfettamente funzionante.

Questo modo di dire consiste, in pratica, anche in una delle tante testimonianze orali di una Milano ormai sparita.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: sito internet ufficiale della Parrocchia di Sant’Apollinare in Baggio (uso editoriale).

© Riproduzione riservata