Best Wine Lanuvio, Seconda Edizione Dell’evento Enogastronomico Itinerante

Best Wine Lanuvio, Seconda Edizione Dell’evento Enogastronomico Itinerante

Ad aprire la manifestazione, insieme al sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, numerosi rappresentanti delle istituzioni locali, come i sindaci dei paesi vicini (Velletri, Ariccia, Genzano di Roma) e i rappresentanti del Parco dei Castelli Romani.

stampa articolo Scarica pdf


La città di Lanuvio ha ospitato per la seconda volta Best Wine, l’evento enogastronomico che fa tappa nei più affascinanti borghi del sud del Lazio con degustazioni di vini e prodotto locali in contesti sempre nuovi. L’appuntamento ai Castelli Romani si è svolto sabato 28 e domenica 29 agosto nella splendida Villa Sforza Cesarini, tra i resti dell’antica città nata prima dell’epoca romana e mai abbandonata. L’organizzazione, Wine & Food Promotion, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Lanuvio ha voluto dedicare l’evento alla ricorrenza dei 50 anni della Doc Colli Lanuvini, invitando ad una riflessione sulle pregiate produzioni vitivinicole locali.

Ad aprire la manifestazione, insieme al sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, numerosi rappresentanti delle istituzioni locali, come i sindaci dei paesi vicini (Velletri, Ariccia, Genzano di Roma) e i rappresentanti del Parco dei Castelli Romani. Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore al Turismo della cittadina castellana Valeria Viglietti accompagnata dal suo omologo alla Cultura Alessandro De Santis e dal direttore del museo civico Luca Attenni.

L’evento si è svolto nel massimo rispetto di tutte le norme anti-Covid, pur essendo all’aperto, con le cantine del Lazio che hanno accolto i numerosi appassionati intervenuti. Non si è registrato il pienone tipico dell’epoca pre-Covid ma comunque si è trattato di un pubblico attento e piacevolmente coinvolto dai vini in degustazione. Un punto di ripartenza anche per gli eventi di questo tipo, sperando si possa proseguire su questa strada e tornare alla spensieratezza persa a causa dell’emergenza sanitaria.

Marco Dal Puppo 

© Riproduzione riservata