Fermento: Il Destino Nel Nome!

In pieno periodo pandemico la sfida di un giovanissimo pizzaiolo che, da solo, realizza il suo sogno.

stampa articolo Scarica pdf



Il nome non lascia dubbi, la missione di “Fermento” è tutta qui. Ci troviamo in Via Cherso 30 a Roma. È grazie alla passione e al “fermento” che sin dai primi passi, Gianluca Rossi prende la giusta direzione. A soli 18 anni si trova faccia a faccia con il suo primo forno. L’iniziale titubanza si trasforma velocemente in “amore a prima vista”. Dopo aver fatto sue, le tecniche del mestiere di pizzaiolo, decide di mettersi in gioco fino in fondo. Forse con un po' di sana follia e con tanta determinazione, Gianluca apre il suo locale di pizza a taglio in pieno periodo pandemico, a fine 2020. Da subito il percorso è stato chiaro: materie prime di qualità, ricerca continua delle farine più idonee e sperimentazione delle tecniche di lavorazione. Questa la strada scelta per rendere omaggio ad uno dei prodotti italiani più stimati nel mondo: la pizza. Con tutto questo bene in mente, i risultati non si sono fatti attendere.

“L’obiettivo è arrivare sempre ad un prodotto finale ricercato e accessibile, per tutti i palati. Da qui la scelta di relazionarsi, da subito, con aziende fornitrici che abbracciassero alla radice, la stessa nostra filosofia. La ricerca della qualità è possibile anche proponendo al cliente finale prezzi adeguati”.

Tecniche di lievitazione, farine di tipo 0 e di tipo 2 del Molino Mariani, impasto altamente idratato, che alla fine risulta fragrante e profumato, ricordando un po' l’odore dei forni di un tempo. E ancora, mozzarella e formaggio pecorino delle piccole aziende agricole; guanciale di Rustichello dell’Azienda Agricola Zavoli. Queste sono solo alcune delle scelte di qualità di “Fermento”. L’attenzione e la cura per ogni singolo passaggio ottengono prodotti di alto livello che trovano il gusto e l’approvazione della clientela.

Ecco quindi che, oltre alle classiche, ogni settimana troviamo una novità in teglia: mortadella, burrata e pistacchi; patate, baccalà mantecato e pomodorino secco; pulled pork cipolla caramellata e jalapeno; ragù bianco di cinghiale con fondo di cottura e scaglie di grana; zucca, salsiccia e pecorino romano; trippa alla zucca con menta e pecorino; zucca, bufala e porchetta; pastrami, cipolla caramellata e senape; cicoria con pollo alla cacciatora; amatriciana; carbonara. Non mancano i fritti, sia i classici suppli e crocchette, o più ricercati come: tonnarello carbonara; tonnarello cacio e pepe; crocchetta con porchetta; ragù di scottona oppure alla nduja, tutti rigorosamente artigianali. Tra le numerose proposte, che abbracciano i gusti moderni e quelli del passato, anche pane a lievitazione naturale.

Un consiglio di Gianluca Rossi per la degustazione: “Il miglior modo è gustarla appena sfornata ma anche da asporto possiamo usare un efficace metodo per farle riprendere lo stesso gusto anche a casa: portare al massimo il proprio forno, con la teglia all’interno rovesciata, e infilata nella parte bassa del forno stesso. Una volta raggiunta la temperatura spengere e adagiare la pizza su di essa, senza l’utilizzo di carta forno. Aspettiamo che teglia e calore facciano il loro dovere. Il risultato che si ottiene in questo modo è che l’impasto si rigeneri riprendendo croccantezza alla base e morbidezza all’interno”.

Contatti:

“Fermento” Roma

Via Cherso n°30 – 00177

Tel: 06 3105 9306

Cell: 347 523 7243

Aperto tutti i giorni pranzo e cena anche con l’asporto (domenica a pranzo chiusi)

In teglia, delivery attivo tutti i giorni dalle 19:00 alle 21:30 nelle zone di:

Centocelle - Colli Aniene - Tor Sapienza - Alessandrino - Pigneto - Largo Preneste - Villa Gordiani - Casal Bertone - Tor Tre Teste - Casal Bruciato - Quarticciolo - Tor Pignattara - Monti Tiburtini

Servizio consegne con Just eat e Glovo.

© Riproduzione riservata