Roberto Parodi Controbatte Flavio Briatore

Roberto Parodi Controbatte Flavio Briatore

“Il punto è che una pizza con il Pata Negra non si fa. Non-si-fa. Non è che se un cibo costa tanto lo posso sbattere dappertutto”

stampa articolo Scarica pdf


Roberto Parodi controbatte la tesi di Flavio Briatore riguardo la pizza al Pata Negra di Briatore che costa 65 €. Definendola in video su Instagram “Apoteosi di una burinata”. Aggiungendo: ``Se sapessi cos’è davvero il Pata Negra l’ultima cosa che faresti è metterlo sulla pizza”. Infine, in chiave ironica aggiunge: “Aggiungici pure del beluga (un caviale costoso, ndr) 40 euro. Gran figura! Però prima vai su Wikipedia a cercare cos’è…”.

Nel video ha precisato: “Il punto è che una pizza con il Pata Negra non si fa. Non-si-fa. Non è che se un cibo costa tanto lo posso sbattere dappertutto”. Sottolineando: “Sono degli zanza ossessionati dal far vedere che non sono poveri. Che possono comprare una pizza con 60 euro. Ma cos’è: vuoi fare il ricco con 60 euro? Manco un pieno alla Panda fai oggi con 60 euro!”.

Molti si stanno chiedendo cosa sia il pata negra? E’ il più pregiato ma anche il più costoso dei prosciutti spagnoli. Mostra un colore rossastro con delle venature di grasso.

Il jamon iberico si ricava dalla ‘’ zampa nera’’ dei maiali. Una razza di maiali che si contraddistingue per il loro manto nero, originari della Penisola Iberica. Vengono allevati maggiormente nella zona Occidentale della Spagna. I migliori provengono dall’ Extremadura, Andalusia, Salamanca.

La caratteristica principale di questo prosciutto è rappresentato dalle infiltrazioni di grasso nel tessuto muscolare che creare delle venature nella carne. Esistono vari tipi di Pata negra ma i piu’ pregiati sono soltanto due che sono:

Pata Negra 100% iberico puro Bellota: che deriva dalla razza pura di maiali allevati in libertà e vengono nutriti solo con le ghiande. La ghianda in spagnolo significa Bellota, per questo motivo viene denominato ‘’ puro di Bellota’’. L’altro è il Pata Negra di Bellota, non puro al 100%. Proviene da maiali Pata Negra incrociati con altre razze. Vengono allevati sempre nelle medesime condizioni dei primi. Bisogna sottolineare, che esistono altre varietà di prosciutto ispanico, che sono considerate meno pregiate. Perché derivano da suini che vengono nutriti con cereali e legumi. Non possiamo negare la loro qualità ed eccellenza nel mondo. Ricordiamo che tagliare il prosciutto è un arte e in questo molti camerieri spagnoli sono maestri. Non vi resta che gustare questo meraviglioso prosciutto magari accompagnato con un calice di vino rosso. In queste sere d’estate sarebbe un ottimo amico per trascorrere qualche minuto a coccolarci.

Alessandro Corsini

© Riproduzione riservata