Alla Scoperta Dei Sapori Italiani Da Mi Gusta

Alla Scoperta Dei Sapori Italiani Da Mi Gusta

Il ristorante che raccoglie la tradizione e la rinnova.

stampa articolo Scarica pdf





Regione che vai, sapori che trovi! E se vi dicessimo che non bisogna lasciare Roma per poter gustare i sapori tipici delle nostre regioni? Bisogna solo andare da Mi Gusta, in via Giuseppe Lucchetti Rossi. Mi Gusta è un luogo davvero accattivante nel suo aspetto da paninoteca, eppure al suo interno è possibile mangiare delle vere prelibatezze cucinate con la cura di un grande ristorante, noi di Unfolding Roma lo abbiamo testato per Voi. Il menù è vasto e articolato e propone i sapori tipici delle regioni d’Italia rivisitati in forme davvero golose, un esempio: Panino con polpo arrosto e burrata di Andria per rappresentare la Puglia. Da Mi Gusta non si trovano solo panini e piadine, ma anche pietanze calde e carne alla griglia. Ogni piatto è rivisitato per esaltare i sapori della terra d’origine e più di ogni altro ci riescono i maritozzi salati e conditi con ingredienti regionali, una vera golosità da provare. Il locale è sfavillante con decorazioni al neon e arredamenti cromati che regalano un’atmosfera frizzante e giovane, nella bella stagione sono disponibili anche tavoli in una piacevole veranda esterna. Il personale è sempre disponibile e pronto a indirizzare il cliente alla scelta più soddisfacente, scelta che non è per niente facile (menomale!) e che è ampliata dalle opzioni vegetariane e vegane. Vi è anche una grande attenzione alla qualità degli ingredienti freschi e rispettosi della stagionalità. Da Mi Gusta si può girare l’Italia con il palato così da poter assaporare l’ottima Mortadella emiliana o la succosa Fassona toscana senza tralasciare piccole chicche poco note come le Bombette pugliesi. Carente la carta dei vini che però si compensa con la scelta di birre artigianali tutte nazionali. I prezzi sono abbordabili e rendono giustizia alla qualità del cibo. Mi Gusta è un luogo davvero speciale in cui si viaggia senza alzarsi mai dalla sedia.

Gregorio Pastorelli

 

© Riproduzione riservata