Ciak Si Cucina Cucinema 2018

Il Sesto Episodio food all' Achilli al Dom. Articolo di Edoardo Perniconi

494
stampa articolo Scarica pdf

Achilli al DOM, location di altissimo livello e dal design moderno nella suggestiva e storica via Giulia, è  il bellissimo ristorante che ha ospitato la sesta tappa di Cucinema. Ricercati sono i piatti presentati: molto divertente il primo piatto, presentato da Aureliano Procacci - Beliveant - con i carciofi alla romana; cucinati a regola d’arte e presentati in una scatola di alluminio, accostata al cestello di una friggitrice con le cialde di pasta e le salse a parte. Divertente anche l’idea di lasciare spazio alla creatività dei commensali, che avrebbero dovuto “comporre” il proprio piatto come fosse una poesia, in riferimento alla poesia di Neruda nel film “Il Postino”. Risulta essere un compito un po’ difficile, visto che non tutti sono poeti. Eccezionale il secondo piatto in gara, presentato da Simone Ballicu - Gola ai Parioli - tonno scottato, cottura perfetta e gustosa l’alchimia di sapori che si crea soprattutto tra la polvere di rucola, il tonno e la cipolla in agrodolce. Mi è sfuggito il parallelismo tra la grande rapina di “Ocean Eleven” e il “protagonismo del tonno”, ma dato l’alto livello del piatto non starei a sottolineare. Buono l’abbinamento con lo Shiarà. Un vero “Benvenuto al sud” l’ultimo piatto in gara, dello chef resident - Alessio Tagliaferri. Coloratissimo e vivace oltre che nei colori anche nel gusto. Intanto la soddisfazione di gustare una saporitissima triglia, senza le odiose spine, non capita spesso. Il connubio tra la triglia e la “caponatina”, come la chiamerebbe il Montalbano di Camilleri, è stato un teletrasporto istantaneo in Sicilia. Profumo di mare, di storia e di arte barocca arricchito dalle spezie del ceviche ridotto in salsa. Coraggioso ma azzeccato l’abbinamento con il rosso dei Colli Tortonesi.

Edoardo Perniconi

© Riproduzione riservata