INTERminabile

La squadra di Simona Inzaghi va sotto alla fine del primo tempo, ma con una ripresa perfetta ribalta la Roma

stampa articolo Scarica pdf

L’Inter espugna anche Roma e manda un segnale forte è chiaro al campionato. Sotto di una rete alla fine del primo tempo, la squadra di Simone Inzaghi si ricompatta e fa tre reti alla squadra di De Rossi che fino a quel momento era riuscita a mettere in difficoltà i nerazzurri. Forse è stato il primo tempo più brutto della stagione, eppure la reazione del secondo tempo, la solidità mentale dimostrata insieme a una tenuta fisica eccellente, partita giocata sotto il diluvio, dimostrano che la compagine nerazzurra ha tutte le qualità per vincere il campionato.

 

Parte subito forte la Roma che con El Sharaui costringe Sommer alla deviazione in angolo. Pressing alto dei padroni di casa che costringe i nerazzurri nella loro metà campo. Piano piano la squadra di Simone Inzaghi si compatta, aggiusta le distanze tra i reparti e inizia a farsi vedere dalle parti di Rui Patrizio. I nerazzurri collezionano calci d’angolo e al terzo tentativo passano: angolo di Di Marco, Lukaku prolunga e Arcebi di testa la piazza sul palo lontano del portiere. Guida concede il gol dopo aver rivisto se  la posizione di Thuram disturba quella del portiere romanista. La Roma reagisce subito aggredendo l’Inter mantenendo costantemente il pallino del gioco. Alla prima occasione la squadra di Daniele De Rossi pareggia, punizione di Pellegrini dalla trequarti, Mancini si libera di Pavard e di testa batte Sommer. I nerazzurri giocano sotto ritmo, non ribaltano l’azione con la velocità che ci ha mostrato durante tuto il campionato.. Chanaloglu non sembra ispirato, Lautaro e Thuram non pervenuti con il risultato che la manovra offensiva dell’Inter è inconsistente. Allo scadere del primo tempo su un contropiede giallorosso El Sharaoui, con un sinistro millimetrico, manda la palla sotto l’incrocio con Sommer che incolpevole guarda la sfera entrare in rete.

 

E’ un Inter diversa quella che approccia alla ripresa, dopo una punizione di Chanaloglu parata da Rui Patrizio la squadra di Inzaghi prende in mano la partita, diventa padrona del gioco e chiude i giallorossi nella propria metà campo. E’ un Inter travolgente e su un Cross dalla destra  di Nicolò Barella Thuram in spaccata supera il portiere romanista. Trovato il pareggio i nerazzurri non si accontentano, Lautaro da fuori area prova ad impensierire Patrizio ma il tiro è debole. E’ un assedio quello nerazzurro, sulla sinistra la squadra di Inzaghi è in superiorità numerica con Di Marco, Bastoni e Mikytarian mettono in difficoltà la fascia destra romanista, ed proprio da un cross dell’esterno nerazzurro che Angelino, nel tentativo di anticipare Thuram, deposita alle spalle del proprio portiere.

Ritmo indiavolato delle due squadre che lottano su ogni pallone, ma è sempre l’Inter che va vicino al gol con Pavard che con un destro da fuori area colpisce il palo. Trovato il vantaggio i nerazzurri abbassano il ritmo e la Roma ne approfitta. Le due occasioni capitano a Lukaku che, nella prima si fa ipnotizzare da Sommer che gli sradica il pallone dai piedi, sulla seconda non riesce a colpire di testa su un cross dalla sinistra.

© Riproduzione riservata